Coronavirus: stretta sui controlli per Pasqua e Pasquetta

Le forze dell'ordine intensificheranno le azioni sul territorio per contrastare gli assembramenti per i pic nic e le passeggiate in montagna

Sono in molti a temere che per i giorni di Pasqua e Pasquetta, nonostante i divieti in vigore che permettono gli spostamenti sono in caso di necessità fino al 13 aprile, ci possano essere assembramenti di persone che effettueranno pic nic e passeggiate all'aria aperta, in piena emergenza coronavirus. Il Commissario Sergio Venturi si è scagliato contro le scampagnate: "Sarebbe da scellerati" mentre molti sanitari, impegnati in prima linea nella battaglia contro il cornavirus, temono nelle proliferazioni di gite e giri nelle aree verdi e in montagna. Le forze dell'ordine hanno deciso di intensificare i controlli, che verranno concentrati proprio nelle aree più a 'rischio' scampagnate, proprio nei giorni di Pasqua e Pasquetta: l'attenzione verrà concentrata nelle aree verdi, nei parchi naturali, nella aree pic nic e nei boschi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento