menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus: non sono vietate le passeggiate all'aria aperta

La possibilità di fare sport all'aria aperta è garantita dal Ministero dell'Interno nel suo vademecum: l'autocertificazione andrà sempre portata con sé ma le forze dell'ordine dovranno consegnarla a chi non ce l'ha

Emergenza coronavirus. Non c'è ancora chiarezza assoluta sui controlli che, nel corso di questi giorni, le forze dell'ordine stanno effettuando su tutto il territorio di Parma e provicia, per verificare il rispetto delle norme che impongono di uscire di casa solo per ragioni di lavoro, salute o necessità. Dopo le dichiarazioni del Commissario per l'emergenza Angelo Borrelli che ha specificato, nella serata di mercoledì 11 marzo, che l'autocertificazione verrà chiesta anche se un cittadino si sposta a piedi, una delle interpretazioni che è stata data è quella che siano vietate anche le passeggiate.

Questo tipo di divieto però non esiste: non è inserito all'interno di nessuno dei provvedimenti firmati fino ad oggi., nemmeno nell'ultimo decreto di ieri, mercoledì 11 marzo. Del resto le informazioni ufficiali del Governo e del Ministero dell'Interno ribadiscono, in più occasioni che "Lo sport e le attività motorie svolte negli spazi aperti sono ammessi nel rispetto della distanza interpersonale di un metro. In ogni caso bisogna evitare assembramenti". E' questo infatti uno dei punti del vademecum di 12 punti, pubblicato dal Viminale (ECCO QUANDO SI PUO' USCIRE DI CASA).

Non è sanzionabile, quindi, chi esce di casa per fare una passeggiata, per fare sport all'aria aperta - così come definito dal vademecum del Ministero dell'interno - per raggiungere le tabaccherie che infatti - anche dopo il decreto dell'11 marzo - rimangono aperte, per portare fuori il cane a fare una passeggiata - che rientra nelle situazioni di necessità. Del resto visto che alcuni negozi rimangono aperti (I NEGOZI APERTI E QUELLI CHIUSI DAL 12 AL 25 MARZO) sarebbe contradditorio mantenerli aperti e non dare la possibilità ai cittadini di raggiungerli. 

In tutti i casi - in auto, a piedi o in bicicletta - bisognerà portare con sè l'autocertificazione (ECCO COME SCARICARLA) e dichiarare, sotto la propria responsabiltà, i motivi dell'uscita, il luogo da quale provengo e quello in cui sono diretto. Secondo quanto comunicato dal Ministero dell'Interno se il cittadino è sprovvisto del foglio saranno le forze dell'ordine a consegnarglielo per la compilazione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento