Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

Oltre ai 33 lavoratori altre 9 persone, che sono entrate in contatto con i casi positivi, sono stati contagiati dal Covid-19

Un focolaio di coronavirus è stato rilevato in un'azienda della provincia di Parma. Si tratta della Parmovo, azienda di produzione di ovoprodotti, di Sanguigna di Colorno. A rilevare il nuovo focolaio sono l'Azienda territoriale sanitaria Val Padana, l'ente sanitario delle province lombarde di Mantova e Cremona e l'Ausl di Parma. In tutto i lavoratori risultati positivi al Covid-19 sono 42.

Il focolaio principale è costituito da 33 lavoratori, tutti residenti nella zona di Casalmaggiore (Cremona) e Viadana (Mantova) e dipendenti di una società di servizi lombarda che fornisce manodopera a diversi contesti produttivi, compresa l'azienda parmense. La maggior parte di questi ultimi casi rilevati nel territorio dalla bassa lombarda, spiega l'Ats Val Padana, non è da ricondurre "ai focolai del Viadanese" ma è "l'esito di ulteriori attività di indagine" avviate "nei giorni scorsi su un contesto lavorativo collegato a un'attività produttiva sita in provincia di Parma, nel quale si sono registrati dei casi di positività al Covid-19".

A questi 33 lavoratori positivi si aggiungono altri 9 casi di positività. Si tratta di persone (alcuni sono residenti fuori regione) impiegate in attività produttive della Bassa parmense, entrate in contatto con i casi positivi di una cooperativa di lavoro con sede legale in Lombardia. La loro positività è stata riscontrata grazie allo screening realizzato dall'Ausl di Parma, a seguito di segnalazione dell’Ats Val Padana di persone positive al virus, residenti in Lombardia, che lavorano nella Bassa parmense come prestatori d’opera della suddetta Cooperativa.

Sono 13 i nuovi casi di persone positive al coronavirus a Parma e provincia, nella giornata di oggi, 8 luglio, rilevati dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL. Tutti asintomatici, tutti in isolamento domiciliare. Immediatamente avviata l’indagine epidemiologica da parte dei professionisti dell’Azienda sanitaria, finalizzata all’individuazione dei contatti stretti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nove di loro – alcuni sono residenti fuori regione -  sono impiegati in attività produttive della Bassa parmense, entrati in contatto con i casi positivi di una Cooperativa di lavoro con sede legale in Lombardia. La positività è stata riscontrata grazie allo screening realizzato dai professionisti dell’AUSL di Parma, a seguito di segnalazione dell’ATS Val Padana di persone positive al virus, residenti in Lombardia, che lavorano nella Bassa parmense come prestatori d’opera della suddetta Cooperativa. Nessun collegamento, invece, tra gli altri 4 casi rilevati nella giornata odierna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'obbligo di mascherine all'aperto e la chiusura dei locali: ecco il nuovo piano anti-Covid 19

  • Betoniera si ribalta in tangenziale: muore il conducente 31enne

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus: ecco tutte le nuove regole dopo Ferragosto

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • Coronavirus, a Parma cinque nuovi casi: tutti asintomatici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento