menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il direttore di Malattie Infettive: "Solo due nuovi casi hanno un nesso epidemiologico causale con il focolaio di Codogno"

"Un paziente anziano, che ha già altre patologie, ha problemi respiratori un pò più seri"

Coronavirus. I casi accertati a Parma sono dieci. Carlo Ferrari, Direttore della struttura complessa Malattie infettive ed epatologia (Dipartimento di Area medica generale e Specialistica) dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, fa il punto della situazione. 

"La situazione si sta evolvendo, come prevedibile, con nuovi casi. Nei prossimi giorni, dobbiamo aspettarci un ulteriore incremento. Rispetto a ieri 26 febbraio, quando avevamo tre persone ricoverate, oggi ne abbiamo otto. Solo due nuovi casi hanno un nesso epidemiologico causale con il focolaio iniziale di Codogno. Gli altri non hanno dati epidemiologici così evidenti. Tutti i pazienti stanno abbastanza bene.

"Abbiamo un paziente anziano, che ha altre patologie, che ha problemi respiratori un pò più seri ma diciamo che la situazione è sotto controllo. Tutti i pazienti ricoverati nel Reparto Malattie Infettive sono curate con farmaci antivirali, che hanno qualche effetto, con farmaci sintomatici e con terapie di sostegno per le problematiche respiratorie. La situazione è ancora tranquilla ma bisogna mmaginare la dinamica di diffusione dell'influenza: ci dobbiamo aspettare un aumento dei casi. La stragrande maggioranza di queste infezioni sono lievi e danno dei problemi soltanti in pazienti che hanno altre patologie. A questi pazienti però dobbiamo guardare con estrema attenzione". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

I 4 ristoranti a Parma: ecco quali sono i locali visitati

Attualità

Blok 30, il nuovo centro polifunzionale di Parma

Attualità

Scuole: a Parma riapriranno il 18 gennaio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 56 nuovi contagi e 2 morti

  • Cronaca

    Covid: a Parma e provincia vaccinate quasi 14.500 persone

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento