Parma blindata per il coronavirus, Pizzarotti: "In giornata arriveranno i chiarimenti necessari"

"E' chiaro che è possibile spostarsi per motivi di lavoro, per motivi di salute, e che è possibile tornare al proprio domicilio se si è lontani da casa. E' meno chiaro quando è possibile spostarsi per altri motivi, famigliari, andare a fare spesa, o tante altre sfumature della vita di ogni giorno"

Emergenza coronavirus. Il sindaco Federico Pizzarotti interviene in merito al decreto approvato l'8 marzo dal Governo per cercare di ridurre i contagi. 

IL DECRETO DELL'8 MARZO: COSA SI PUO' FARE E COSA NO

"Sul sito del governo  - ha scritto il primo cittadino su Facebook - è stata pubblicata la conferenza stampa e il decreto in vigore a partire dal 8 marzo fino al 3 aprile. Abbiamo il dovere di leggerlo tutti e di comprenderne portata. Parma è all'interno di una zona i cui spostamenti sono limitati, ma che per come è stato scritto, vengono lasciate aperte molte domande.

E' chiaro che è possibile spostarsi per motivi di lavoro, per motivi di salute, e che è possibile tornare al proprio domicilio se si è lontani da casa. E' meno chiaro quando è possibile spostarsi per altri motivi, famigliari, andare a fare spesa, o tante altre sfumature della vita di ogni giorno.

Sono in costante contatto con la Prefettura, con la Regione e con gli altri sindaci. I vostri dubbi sono anche i nostri, e in giornata spero ci arrivino i chiarimenti necessari per rispettare al meglio le prescrizioni.

E' necessario adottare tutti le misure necessarie per sconfiggere il virus il prima possibile. È responsabilità di ognuno rispettare le nuove norme. Inoltre è il momento giusto, per quanto possibile e compatibile con le diverse attività, di utilizzare ferie arretrate o congedi, in quanto il decreto indica: "si raccomanda ai datori di lavoro pubblici e privati di promuovere, durante il periodo di efficacia del presente decreto, la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodi di congedo ordinario e di ferie".

ECCO COSA SI PUO' FARE E COSA NO

☝1. Evitare spostamenti in entrata in uscita dalla provincia di Parma nonché all'interno della stessa, ✔salvo che per spostamenti motivati da esigenze lavorative o per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio abitazione residenza.

☝2. Chi ha febbre sopra il 37.5 è fortemente raccomandato di rimanere a casa e di contattare il medico.

⛔3. Divieto assoluto di spostamento per chi è risultato positivo al virus e in quarantena.

⛔4. Sospesi eventi e competizioni sportive sia in luoghi pubblici che privati. ✔Sono consentiti solo a porte chiuse oppure all'aperto ma senza pubblico. Lo stesso vale per gli allenamenti.

⛔5. Sospese le manifestazioni organizzate nonché gli eventi in luoghi pubblici o privati, compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico. A titolo di esempio sono sospesi: cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse, discoteche e simili.

⛔6. Sospesi i servizi educativi e le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado. Riguarda anche le Università.

✔7. L'apertura dei luoghi di culto è condizionata all'adozione di misure che evitino gli assembramenti. ⛔Sospese cerimonie civili e religiose.

⛔8. Chiusi i musei e gli altri istituti e luoghi della cultura.

✔9. Consentite le attività di ristorazione e bar dalle ore 6.00 alle ore 18.00. ☝Obbligo per il gestore di rispettare le norme della distanza tra le persone.

✔10. Consentite le attività commerciali a condizione di evitare assembramenti di persone con l'obbligo di rispettare la distanza di sicurezza. ☝Se le condizioni strutturali e organizzative degli spazi non consentono di garantire la distanza di un metro tra le persone, le struttura dovranno essere chiuse.

⛔11. Nelle giornate festive e prefestive rimangono chiuse le medie e grandi strutture di vendita nonché gli esercizi commerciali all'interno dei centri commerciali. ✔Aperte nei giorni feriali ma si deve garantire il rispetto della distanza di sicurezza.

⛔12. Sospese attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere e termali, culturali, sociali e ricreativi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento