"Chi non è residente deve lasciare l'abitazione": a Parma la truffa del falso avviso del Ministero dell'Interno

Ci sono state segnalazioni anche nella nostra città: il documento è creato ad hoc dagli sciacalli

Come sempre c'è qualcuno che tenta di sfruttare l'emergenza in corso a proprio vantaggio. Alcuni truffatori senza scrupoli infatti hanno appeso all'esterno di molte abitazioni, anche della nostra città, alcuni falsi avvisi del Ministero dell'Interno all'interno dei quali si invitano le persone non residenti a lasciare le abitazioni in cui si trovano. Gli autori del documento hanno falsificato l'intestazione del Ministero dell'Interno allo scopo di truffare i cittadini, spaventarli ed approfittare della situazione che si venisse a creare se i non residenti dovessero lasciare le proprie case.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La segnalazione è arrivata dai Gruppi di Controllo del Vicinato che, anche in questo periodo di emergenza, svolgono un ruolo fondamentale per la popolazione. Se il rischio dei furti in abitazione è sensibilmente diminuito è aumentato invece il rischio truffe. Per questo motivo i Gruppi sono attivi quotidianamente sul territorio per scambiarsi informazioni e contrastare cosi gli sciacalli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento