Corruzione, 4 arresti: intervento del Popolo Viola di Parma

Il sistema "Parma", il "modo di vivere" e di amministrare questa città nella corruzione diffusa sta venendo a galla e non fa sconti a nessuno. Ora che l'inchiesta arriva a toccare la giunta, come potrà ancora dire Vignali: "non lo sapevo"?

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Con l'arresto di un assessore, unito a quello di un altro dirigente comunale (nominato anch'esso dal Sindaco Vignali) per corruzione e tentata concussione abbiamo la riprova di ciò che andiamo dicendo oramai da quel famoso 24 Giugno.
Il sistema "Parma", il "modo di vivere" e di amministrare questa città nella corruzione diffusa sta venendo a galla in modo preoccupante e non fa sconti a nessuno. Ora che l'inchiesta arriva a toccare la giunta, come potrà ancora dire Vignali: "non lo sapevo" oppure "sono solo fatti privati"? Il procuratore La Guardia parlava di corruzione diffusa all'interno del Comune di Parma; la sentenza del tribunale del riesame sulla scarcerazione di alcuni degli arrestati di fine Giugno, parlava di corrotti ancora nelle sfere comunali. I segnali erano chiarissimi sulla situazione interna all'amministrazione comunale e sulla politica della nostra città, segnali ignorati (colpevolmente e consapevolmente?) dalla maggioranza.
L'incapacità del Sindaco Pietro Vignali unite alle scelte di persone a dir poco dubbie hanno portato Parma alla rovina economica (oltre 600 milioni di euro di debiti) e alla rovina etica! Non è tollerabile, per nessuno, che continuino ad amministrare la città.
Solamente l'intervento immediato di un commissario (che ricordiamo ha gli stessi poteri del Sindaco e della Giunta e quindi porterebbe avanti tutta la gestione cittadina) può risollevare la città dalla catastrofe.
Le dimissioni di tutta la "cricca" di governo della città non sono più un atto procrastinabile ma devono essere rapide per permettere alla città di risollevarsi da 4 anni di malaffare!
Torna su
ParmaToday è in caricamento