Bufera al Comune di Piacenza: tra gli indagati anche il titolare di una ditta del parmense

L'inchiesta parte dal filone dei 'furbetti del cartellino' e riguarda gli appalti per il rifacimento del manto stradale: il Gip ha rigettato l'accusa di corruzione formulata dalla Procura di Piacenza, che ha fatto ricorso

C'è anche il titolare di un'azienda in provincia di Parma tra i quattro indagati dalla Procura di Piacenza per un'inchiesta che riguarda gli appalti per la manutenzione del manto stradale e che coinvolge anche tre dipendenti dell'Ufficio Manutenzione del Comune di Piacenza. Il titolare dell'azienda ha ricevuto una misura cautelare con l'accusa di corruzione. Un'accusa che però il Gip ha rigettato: la Procura di Piacenza - dove si sono svolte le indagini che partono dal filone dei cosidetti 'furbetti del cartellino' - ha fatto ricorso, impugnando il provvedimento al Tribunale del Riesame di Bologna. L'accusa sub judice per il titolare della ditta è di corruzione. Al momento di trova agli arresti domiciliari. L'operazione nasce dalle indagini degli investigatori della Municipale di Piacenza e della Finanza, che stanno approfondendo l'inchiesta sugli assenteisti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento