Corruzione, Green Money 2: tutti gli arrestati sono liberi

Non sono sottoposti a provvedimenti restrittivi gli imputati di una delle operazioni contro le tangenti che hanno sconvolto la città: libero anche l'ex assessore Giovanni Bernini

Inchiesta Green Money 2

E' stata una delle maxi inchieste che hanno sconvolto la città di Parma e la sua classe politica, una di quelle che hanno scoperchiato la tangentopoli parmigiana. Da oggi tutti gli arrestati di Green Money 2, imprenditori, politici e funzionari comunali, sono liberi e trascorreranno le festività natalizie a casa. Qualcuno ha dovuto aspettare più a lungo, per altri invece le porte del carcere si sono aperte prima, ad altri sono stati revocati gli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non sono più sottoposti a nessun provvedimento restrittivo Giovanni Maria Jacobazzi (già scarcerato), Carlo Iacovini Manuele Moruzzi, Mauro Bertoli, Ernesto Balisciano, Gian Vittorio Andreaus e Tommaso Mori, Gianluca Facini, Norberto Mangiarotti, Alessandro Forni e Giuseppe Romeo Lupacchini. L'assesssore Giovanni Paolo Bernini, arrestato nell'ambito dell'inchiesta Easy Money per la vicenda delle tangenti negli appalti per le mense scolastiche è in stato di libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento