rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Studenti, associazioni e sindacati al corteo antimafia di Libera: "Le loro idee camminano sulle nostre gambe"

Tantissimi studenti, provenienti da tutta la Regione, hanno sfilato stamattina tra la stazione, l'Oltretorrente ed il centro storico per la manifestazione in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

Centinaia e centinaia di studenti, arrivati di prima mattina a Parma da tutte le città della Regione, hanno preso parte, la mattina del 21 marzo, alla manifestazione regionale di Libera per ricordare le vittime innocenti delle mafie. Associazioni, sindacati, studenti, studentesse, istituzioni locali, esponenti politici: tutti insieme per ribadire il proprio no alla mafia e alla criminalità organizzata che in Emilia-Romagna continua a rafforzarsi, soprattutto grazie alla cementazione con alcuni imprenditori, e a fare paura, nonostante le inchieste della Magistratura e delle forze dell'ordine. Stamattina ad aprire il corteo c'erano i gonfaloni del Comuni, dietro le istituzioni, il sindaco Federico Pizzarotti, il presidente del Consiglio comunale Alessandro Tassi Carboni, il vicesindaco Marco Bosi, l'ex senatore Giorgio Pagliari.

Corteo di Libera contro le mafie - foto: Leonardo Trespidi

 

Corteo contro le mafie del 21 marzo 2018

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti, associazioni e sindacati al corteo antimafia di Libera: "Le loro idee camminano sulle nostre gambe"

ParmaToday è in caricamento