Cpl Concordia | Appalti a Collecchio, la minoranza: 'Sono regolari?' M5s: 'Passarli al setaccio'

Il gruppo di minoranza in Consiglio Comunale, 'Liberi e Uniti per Collecchio' chiede alla Giunta se gli appalti vinti dalla coop modenese, viste le indagini, sono regolari. Intanto il Movimento 5 Stelle Emilia-Romagna ha presentato una interrogazione a firma della capogruppo Giulia Gibertoni..

La cooperativa Cpl Concordia di Modena, finita al centro della cronaca giudiziaria degli ultimi giorni per l'arresto dell'ex presidente della cooperativa Roberto Casari accusato di corruzione nell'ambito dell'inchiesta che ha portato all'arresto del sindaco di Ischia Giosi Ferrandino, anche lui accusato di corruzione, ha vinto gli appalti per il servizio di illuminazione pubblica di Collecchio e per il nuovo Polo scolastico.

Il gruppo di minoranza in Consiglio Comunale, 'Liberi e Uniti per Collecchio' chiede alla Giunta se gli appalti vinti dalla coop modenese, viste le indagini, sono regolari. Intanto il Movimento 5 Stelle Emilia-Romagna ha presentato una interrogazione a firma della capogruppo Giulia Gibertoni per chiedere alla Giunta una ricognizione degli appalti pubblici in cui è presente la cooperativa modenese.

“Siamo di fronte a un sistema corruttivo diffuso, bisogna fare chiarezza”. E sul mondo cooperativo: “Ormai, come una certa politica, ha perso ogni tipo di credibilità. Tangenti e fondi neri non hanno di certo nessuna funzione sociale. Legacoop dovrebbe quantomeno sospendere la CPL per violazione delle norme statutarie”.
 
L'INTERROGAZIONE M5S IN REGIONE - “Verificare quali e quanti sono gli appalti concessi da qualsiasi pubblica amministrazione della nostra regione alla CPL Concordia. Passarli al setaccio per capire se sono presenti, come rivelato dalle ultime inchieste giudiziarie, punti oscuri e opacità sulle quali bisogna al più presto fare luce”. Il M5S dell’Emilia-Romagna torna a chiedere chiarezza sullo scandalo corruzione che sta travolgendo la CPL Concordia, la cooperativa della Bassa modenese al centro di una inchiesta giudiziaria che ha portato all’arresto dei suoi vertici e del sindaco di Ischia, e lo fa presentando una interrogazione firmata dalla capogruppo Giulia Gibertoni all’interno della quale si chiede alla Giunta guidata da Stefano Bonaccini di dissipare ogni dubbio sul fatto che il sistema corruttivo messo in campo dalla cooperativa modenese possa aver infettato le tante amministrazioni pubbliche che negli anni sono entrati in contatto con il colosso della Bassa.

“L'inchiesta per corruzione e tangenti nei lavori sull'isola di Ischia si va a sommare a quella per la metanizzazione dei comuni del Casertano ed a quella sugli appalti del Policlinico di Modena più volte al centro dei nostri interventi – spiega Gibertoni – sollevando non pochi dubbi sulla cooperativa. Dubbi che travalicano la responsabilità dei singoli dirigenti indagati e che potrebbero quindi sfociare nel commissariamento degli appalti anche nella nostra regione. Per questo crediamo che sia arrivato il momento di conoscere quali siano i rapporti che la CPL ha intrattenuto, o ancora intrattiene, con le strutture pubbliche dell’Emilia-Romagna: Comuni, Province, aziende sanitarie. È il minimo che la Giunta possa fare per cercare di fare luce in una vicenda molto oscura e che sta minando le fondamenta del sistema cooperativo della nostra regione. Sempre che di sistema cooperativo, dopo tutti gli scandali e le inchieste che si stanno susseguendo, si possa ancora parlare”.

Per il capogruppo M5S in Regione, infatti, a prescindere dalle responsabilità dei singoli, le notizie di tangenti, fondi neri, corruzione e legami con la criminalità organizzata scaturite dalle inchieste della magistratura stanno dimostrando come “il sistema cooperativo abbia ormai perso qualsiasi credibilità così come ha fatto da tempo la politica. Se a muovere una cooperativa è solo la speculazione privata, il profitto a tutti i costi, di certo non si può più parlare di modello cooperativo così come è stato sancito nell’art. 45 della nostra Costituzione. Quale fine mutualistico avrebbe avuto la CPL, quale funzione sociale, se le accuse mosse dalla Procura di Napoli dovessero trovare un oggettivo riscontro? Come si conciliano fondi neri e mutualità? Per questo, a nostro avviso, queste inchieste stanno scoperchiando un vaso all’interno del quale era custodita una verità ormai da tempo sotto gli occhi di tutti, ovvero che  - conclude Gibertoni - una certa parte del nostro mondo cooperativo sembra spinto solo ed esclusivamente dalla speculazione e dal profitto. E che Legacoop tergiversi sull’eventualità di espellere, o quantomeno sospendere, le cooperative coinvolte in queste gravi vicende giudiziarie la dice lunga su quanto questo atteggiamento sia ormai diffuso e accettato. Con buona pace delle vere e autentiche cooperative sociali. Forse è arrivato anche il momento di aggiornare le norme sul finanziamento alle fondazioni rendendole un po’ più trasparenti”.

LA NOTA DI CPL CONCORDIA - CPL CONCORDIA ha appreso dei provvedimenti restrittivi che sono stati eseguiti in data odierna nei confronti di alcuni dirigenti ed ex dirigenti. Precisa che nessun provvedimento ha riguardato la cooperativa e le società del Gruppo CPL. CPL CONCORDIA conferma la propria fiducia nell’operato della magistratura e, nel caso i fatti addebitati trovassero conferma, la società si riserva di prendere i provvedimenti necessari per tutelare le attività di un gruppo imprenditoriale attivo da 116 anni che dà lavoro a 1800 persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

Torna su
ParmaToday è in caricamento