Crac Guru, Patrick Nebiolo verso il patteggiamento della pena

L'ex direttore generale del gruppo di Matteo Cambi dal 2004 al 2006 avrebbe fatto un accordo con la pm Lucia Russo per un anno e otto mesi di pena con la sospensione condizionale, ma la decisione spetta al Gip

Patrick Nebiolo

Patrick Nebiolo, direttore generale della Guru di Matteo Cambi dal 2004 al 2006 è uno degli imputati più noti del processo per il crack dell'azienda parmigiana che deve ancora chiudere i suoi conti con la giustizia. Nebioli, come riferisce la Gazzetta di Parma, va verso il patteggiamento della pena, anche se la decisione definitiva per il via libera al procedimento spetta al Gip. Ci sarebbe infatti un accordo tra l'imputato e la pm Lucia Russo per il patteggiamento di una pena di un anno e 8 mesi con la sospensione condizionale.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • A Parma vietate le feste e lo sport amatoriale: mascherina in casa con i non conviventi

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento