Crac Parmalat, Tanzi resta in carcere: il tribunale rigetta le istanze

Il regime di detenzione per l'ex patron di Parmalat, 72 anni e qualche problema cardiaco, resta quello già deciso al momento del suo ingresso in carcere con il monitoraggio costante delle condizioni di salute

Il tribunale di sorveglianza di Bologna ha rigettato le istanze di scarcerazione presentate dai legali di Calisto Tanzi. L'ex patron di Parmalat resta quindi in carcere a Parma. Le istanze di scarcerazione erano state presentate all'ufficio di sorveglianza di Reggio Emilia che fa capo al tribunale di Bologna. Il regime di detenzione per Tanzi, 72 anni e qualche problema cardiaco, resta quello gia' deciso al momento del suo ingresso in carcere. L'ex numero uno di Parmalat e' in una cella singola della sezione 'minorati fisici', sotto monitoraggio costante delle sue condizioni di salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Guida Michelin: ecco i ristoranti stellati del parmense

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Donna accoltellata sul Frecciarossa da un addetto alle pulizie: 44enne di Parma ferito mentre cerca di fermare l'aggressore

Torna su
ParmaToday è in caricamento