Crac Parmalat, Tanzi resta in carcere: il tribunale rigetta le istanze

Il regime di detenzione per l'ex patron di Parmalat, 72 anni e qualche problema cardiaco, resta quello già deciso al momento del suo ingresso in carcere con il monitoraggio costante delle condizioni di salute

Il tribunale di sorveglianza di Bologna ha rigettato le istanze di scarcerazione presentate dai legali di Calisto Tanzi. L'ex patron di Parmalat resta quindi in carcere a Parma. Le istanze di scarcerazione erano state presentate all'ufficio di sorveglianza di Reggio Emilia che fa capo al tribunale di Bologna. Il regime di detenzione per Tanzi, 72 anni e qualche problema cardiaco, resta quello gia' deciso al momento del suo ingresso in carcere. L'ex numero uno di Parmalat e' in una cella singola della sezione 'minorati fisici', sotto monitoraggio costante delle sue condizioni di salute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto da un furgone e sbalzato contro una moto: ciclista 45enne gravissimo

  • A Parma il primo impianto dello stimolatore capace di interrompere i segnali di dolore al cervello

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Incidente sull'Asolana: moto contro un'auto, muore 50enne motociclista

  • Coronavirus, è il giorno 'zero': né decessi, né contagi

  • Tragedia in Appennino: trovato morto escursionista 55enne parmigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento