Crac Parmalat, Tanzi e co. dovranno pagare due miliardi di euro

la terza sezione penale della Corte d' appello di Bologna ha rigettato il ricorso presentato dai difensori per la sospensione della provvisionale che era stata stabilita dal tribunale nel dicembre 2010

Hanno provato ad opporsi a quella somma 'da capogiro', ma dovranno rassegnarsi a pagare, ammesso che i soldi vengano effettivamente trovati. Da Calisto Tanzi in giù, i condannati in primo grado nel processo sul crac Parmalat, con l'unica eccezione di Sergio Erede (membro del cda di Parmalat finanziaria dal '91 al 2000, condannato a un anno e mezzo per bancarotta semplice e non fraudolenta come gli altri), dovranno sborsare in solido due miliardi alla Parmalat in amministrazione straordinaria, oltre al 5% del valore nominale di azioni e obbligazioni, corrispondente a circa 30 milioni, se si considerano le 35.000 parti civili costituite.

Lo riferisce la Gazzetta di Parma: la terza sezione penale della Corte d' appello di Bologna ha rigettato il ricorso presentato dai difensori per la sospensione della provvisionale immediatamente esecutiva che era stata stabilita dal tribunale di Parma nel dicembre 2010, quando condannò 15 dei 17 imputati. Ora i prelievi forzosi potranno procedere, anche se andrà chiarito come reperire questi soldi, poiché spesso beni e capitali sono intestati o cointestati a familiari. La Corte, facendo riferimento al buco da quasi 14 miliardi dell'ex multinazionale di Collecchio, ha rilevato che la quantificazione della provvisionale "é stata operata in misura decisamente prudenziale rispetto all'entità complessiva del danno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto il 12 dicembre a Bologna, davanti allo stesso collegio, presieduto da Francesco Maddalo, che ha rigettato la richiesta di sospensione della provvisionale, prenderà il via il processo d'appello per il crac nei confronti di amministratori, consiglieri e sindaci dell'ex gruppo Parmalat, a partire da Calisto Tanzi (che sta scontando in carcere a Parma la condanna definitiva a otto anni e un mese per aggiotaggio). Sono state già fissate altre tre udienze fino al 20 dicembre, ma è probabile che la sentenza arrivi a gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento