Dall'emergenza sanitaria a quella sociale: alla Caritas le richieste d'aiuto sono più del doppio

Rispetto a un anno fa, tra marzo e aprile, sono state consegnati 3.500 pacchi e numerose sono le famiglie che si sono rivolte all'associazione. Il presidente Scaffardi: "Siamo preoccupati"

L’emergenza sanitaria si è trasformata in emergenza sociale, era prevedibile. Rispetto all’anno scorso nei mesi di marzo e aprile il numero di pasti consegnati è aumentato: sono 3500 in più, così come i pacchi con dentro beni alimentari di ogni genere. Sono 500 in più, con varie richieste di aiuto sintetizzabili in più del doppio”. Cecilia Scaffardi, presidente di Caritas, lo dice quasi rassegnata. “Le richieste sono aumentate inevitabilmente – spiega a ParmaToday.it – più del doppio, devo dire. Durante questa fase emergenziale i nostri servizi sono rimasti sempre aperti, seppur con delle modifiche: abbiamo prestato il nostro con la distribuzione di pasti monoporzione che hanno da subito visto l’aumentato rispetto a un anno fa.

La maggioranza di queste richieste non erano inserite in circuiti assistenziali, per questo motivo siamo preoccupati. Mi verrebbe da dire che questa è solo la punta di un iceberg, perché il bisogno a mio avviso è più ampio rispetto a quello alimentare, o meglio: non è solo alimentare. Serviranno dei soldi per affitti e spese varie, al momento sospese. Stiamo valutando le richieste economiche, per la moratoria riguardante bollette e affitti che prima o poi riaffioreranno. Insieme al pacco alimentare – spiega Cecilia Scaffardi - abbiamo consegnato prodotti di igiene, detersivi, materiale di cartoleria per i bimbi e farmaci, in questo momento stiamo valutando richieste economiche. Siamo molto preoccupati, cerchiamo di vagliare le richieste e abbiamo anche attivato un fondo di solidarietà grazie al contributo di privati, aziende e parrocchie grazie al quale potremo fare fronte nell’immediato e forse nel medio periodo post emergenza. Ma siamo molto preoccupati per le famiglie con bambini e per i titolari di attività imprenditoriali e artigianali che si troveranno davanti a debiti importanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

Torna su
ParmaToday è in caricamento