rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024
Cronaca

Raccolta differenziata, i dati Arpa

ARPA Emilia-Romagna comunica i dati sulla raccolta differenziata nei comuni della regione relativi al 2014. Per Parma raccolta differenziata al 68% e rifiuti in netto calo. Ma dietro l'angolo la notizia del potenziamento dell'inceneritore

Arpa comunica i dati relativi alla raccolta rifiuti dell'anno 2014: a Parma raccolta differenziata al 68% e rifiuti in netto calo.

Rispetto ad altri comuni capoluogo dove i progressi in questo senso sono stati minimi oppure addirittura negativi, Parma ha ridotto di 76 kg la produzione che ogni cittadino parmigiano conferisce ogni anno nel residuo (32% in meno rispetto al 2013), partendo già da una posizione virtuosa.

Alcuni esempi? Per un parmigiano che nel 2014 ha prodotto 164 kg di residuo gli altri comuni sono tutti con valori decisamente più alti: un reggiano ne ha prodotti 280 kg, un piacentino 307 kg fino ad arrivare al doppio di un cittadino bolognese che ne ha conferiti 328.

arpa13-14_new-2

L'assessore Folli a questo proposito dichiara "I numeri confermano i progressi del sistema porta a porta e la virtuosità dei cittadini parmigiani. La responsabilità dei territori è un criterio fondamentale per arrivare ad una corretta gestione del ciclo dei rifiuti nella nostra regione. A questo punto è legittimo chiedere nel Piano Regionale Gestione Rifiuti di prossima discussione nell'assemblea legislativa che nei criteri di dismissione degli impianti di incenerimento si tenga conto degli sforzi fatti dai territori".

Ma la paura che si evidenzia oramai da un paio di mesi anche per la nostra città e preannunciata già da tempo dal governo centrale, è l' incremento di rifiuti conferibili negli inceneritori. L'articolo 35 del ddl "Sblocca italia" dà la posssibilità ai gestori degli inceneritori di portare a pieno carico i forni come soluzione all'emergenza rifiuti nel paese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta differenziata, i dati Arpa

ParmaToday è in caricamento