menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Debito consolidato, Ferretti risponde a Dall'Olio: "Non vuole riconoscere il lavoro dell'Amministrazione"

L'assessore: "Gli 846.392.720 euro di debito al 31/12/2011, non sono stati autodichiarati dal Sindaco Pizzarotti, bensì dal Commissario Ciclosi che li ha lasciati scritti e dettagliati nella relazione finale"

L'assessore Marco Ferretti risponde al comunicato del consigliere Nicola Dall'Olio sul debito consolidato del Comune di Parma. "Con riferimento all'intervento del consigliere Dall'Olio sul debito consolidato del sistema Comune -scrive l'assessore- ritengo doveroso fornire alcuni chiarimenti ai cittadini.In primo luogo, è doveroso ricordare che il mandato del sindaco Federico Pizzarotti non è iniziato il 31/12/2012 come sembra aver inteso il consigliere Nicola Dall’Olio prendendo in esame il debito a tale data, bensì a fine maggio 2012 allo scadere della gestione commissariale.

Gli 846.392.720 euro di debito al 31/12/2011, non sono stati autodichiarati dal Sindaco Pizzarotti, bensì dal Commissario Ciclosi che li ha lasciati scritti e dettagliati nella relazione finale sulla gestione commissariale, tuttora pubblicata sul sito internet del Comune di Parma e disponibile al  link https://www.comune.parma.it/notizie/Relazione-finale-sulla-gestione-commissariale.aspx.

L’amministrazione Pizzarotti si è trovata a gestire un Comune per il quale la minoranza e parte dell’opinione pubblica parlavano di stato di dissesto, tanto che  l’Assessore Capelli, nel corso di una seduta monotematica di Consiglio Comunale, il 9 ottobre 2012, ha dovuto relazionare sullo stato delle finanze per evitare le conseguenze drammatiche dell’eventuale perdita di credibilità del bilancio del Gruppo Comune di Parma che poteva essere oggetto di aggressione da parte dei creditori con decreti ingiuntivi o richieste di fallimento. La relazione si trova tuttora pubblicata sul sito al link: https://www.comune.parma.it/notizie/Ecco-la-relazione-dellassessore-Capelli-sul-debito.aspx

La verità è che il consigliere Dall’Olio non vuole riconoscere il lavoro svolto dall’Amministrazione sul bilancio del Comune e sulle partecipate, che invece evidenzia questi risultati:a. Nessuno, né in città, né a livello nazionale, cita più il Comune di Parma tra gli enti in “pre- dissesto” o a rischio di fallimento; b. Nessuna delle società del Comune è a rischio di “default”, ma sono tutte gestite  da amministratori capaci che le stanno risanando; c. Il debito complessivo del gruppo è ridotto di oltre il 40% con azzeramento del debito commerciale del Comune di Parma e riduzione significativa di quello delle società, in particolare di Parma Infrastrutture; d. Sono state messe in sicurezza tutte le società e organismi controllati: Asp Ad Personam, Teatro Regio, Infomobility e It city, che hanno invertito il segno del risultato economico e chiudono in utile i bilanci ormai stabilmente; STT ha un Piano di ristrutturazione depositato per l’omologa; Parma Infrastrutture ha chiuso il primo bilancio in utile nel 2014; Il Centro Agro Alimentare (CAL) è tuttora in difficoltà ma con un piano in corso di elaborazione.

Il Consigliere prende in considerazione solo ed esclusivamente la riduzione del debito nel 2013 rispetto al 2012, dimenticando l’indebitamento al 31 dicembre 2011. Pertanto, quando il Sindaco parla di una riduzione del 40% lo fa a ragion veduta ed utilizzando dati certificati.

Spiace vedere come analisi complesse e difficili come il Bilancio Consolidato prodotto dal Dipartimento di Economia e frutto di ore di lavoro sia di docenti che di validi dipendenti del Comune di Parma,  vengano utilizzate non per attente analisi e interpretazioni di fatti contabili ma per mera strumentalizzazione e travisamento della realtà. Questo purtroppo temo che sia il “gioco” della politica a cui io ancora non mi sono adeguato e penso mai mi adeguerò. Per parte mia preferisco stare ai risultati, e questi sono stati ottenuti dal Governo Pizzarotti in materia di bilancio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento