menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Degrado in viale Du Tillot

Degrado in viale Du Tillot

Quartieri - Ecco la Cittadella di serie B, i residenti: "Qui la città finisce"

Lungo il viale Du Tillot, un tratto di periferia lontano anni luce dal quartiere "bene" della città. Un pensionato della zona ci ha segnalato il degrado della zona, tra siringhe e rifiuti abbandonati

Una stretta lingua d'asfalto sbrecciato l'unico segnale che si tratti di una pista ciclabile, quella che si stende tra i campi e il margine del viale Du Tillot. Una situazione di degrado segnalata da un pensionato che si accingeva a percorrere il tratto. Recandoci sul posto è stato possibile constatare lo stato di incuria nel quale versa non soltanto il percorso ciclabile, ma tutto l'insieme di questo tratto di periferia. Il lungo viale che porta alla tangenziale è attraversato, in un tratto, da un doppio passaggio sotterraneo molto ampio, chiuso da due cancelli con solidi lucchetti, che conduce, dall'altra parte, nell'area golenale del torrente Parma.

Basta seguire le tracce di passaggio scavate nella terra e scendere di pochi metri sotto la carreggiata per trovarsi in una zona  particolarmente appartata, anche nelle ore diurne, nonostante sia appena sotto un viale dal passaggio incessante delle automobili. Visibili alcune siringhe abbandonate tra resti di fuochi, rasoi, lattine e bombolette di vernice spray, una siringa è stata anche rinvenuta al margine della pista. Probabilmente, anche i tunnel sono stati riparo occasionale, come testimoniato dai rifiuti e dai graffiti che ne ricoprono le pareti, prima che i passaggi venissero chiusi dalle robuste cancellate dai segni di tentativi di forzatura.

Proseguendo per un altro centinaio di metri lungo la pista, dove la vegetazione si fa più folta, si arriva in prossimità dell'abitato, verso via Terranova: sulla destra una vecchia casa colonica attende, deturpata da graffiti, che proseguano i lavori di ristrutturazione. A fianco, un spiazzo tra gli alberi utilizzato per  bivaccare è lasciato in condizioni di degrado.
Il tutto a pochi passi da un parco tutt'altro che abbandonato, oggetto anche nei giorni scorsi di lavori di manutenzione del manto erboso, su cui si affacciano villette e anche una casa dello studente.

Un'area immersa nel verde, dove, tuttavia, alcuni abitanti lamentano una scarsa sicurezza. "Difficilmente facciamo giri a piedi o in bicicletta qui se non in pieno giorno e in compagnia di altre persone", ammette una coppia di residenti di un palazzo adiacente il parchetto, "non ci fidiamo. È tutto sommato una zona tranquilla, ma si vede dai resti che si trovano in giro che qui viene chi non vuol farsi vedere. Per carità, non mi è mai successo nulla, ma non lascerei in giro da sola mia figlia. Qui la città finisce".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento