menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Stop degrado al San Lazzaro': iniziativa del Pd sabato

Sabato 5 dicembre alle ore 10 alla Rocca di San Lazzaro conferenza stampa sulla viabilità nel quartiere

Prosegue la mobilitazione di ParMap nelle zone di degrado della Città, sabato 5 dicembre alle ore 10 presso la Rocca di San Lazzaro con “Stop degrado al San Lazzaro!” promosso dal Circolo PD S.Lazzaro: una conferenza stampa per denunciare lo stato di degrado del quartiere in merito in particolare alla viabilità. La zona est della città (S.Lazzaro-Lubiana-S.Prospero) presenta infatti una peculiare criticità che, seppur comune ad altre aree della città, si caratterizza per l’importanza degli aspetti infrastrutturali: la viabilità maggiore, cioè quella che riguarda i grandi flussi veicolari riferibili alla via Emilia ed alla tangenziale nord.

Via Emilia: il nodo di S.Prospero richiede una soluzione strutturale con un collegamento diretto con la tangenziale nord (l’annosa questione via Emilia-bis con ponte sull’Enza o meno non è più rinviabile, almeno come decisione strategica su cui far convergere gli investimenti necessari).Tangenziale nord: la prima criticità, più volte denunciata, è costituita dal fatto che il tratto via Mantova-via Emilia, di oltre 2,5 Km, è privo di entrate-uscite; di conseguenza: in caso di incidenti in tale tratto gli automobilisti restano intrappolati con gravi difficoltà a portare soccorsi; il traffico interno al quartiere non ha sfogo verso la tangenziale se non attraverso via Mantova (in certe ore al collasso).

Collegamento tangenziale nord-tangenziale sud: le file infinite alla rotatoria “Pittarello” sono la conseguenza della connessione disassata delle due tangenziali ed un miglioramento della situazione richiede un progetto specifico. Con riferimento al grande impatto ambientale che sulla zona ha il traffico veicolare è legittimo ritenere, anche se mancano dati specifici da rilevamenti strumentali, che le condizioni di inquinamento dell’aria sia tra i più elevati del Comune di Parma. Occorre fornire ai cittadini una adeguata informazione sulle condizioni dell’inquinamento e pensare a misure opportune volte alla riduzione del rischio e del danno. La Cittadinanza è invitata a partecipare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Attualità

    Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento