Tribunale, detenuto ingoia una lametta durante l'udienza

Questa mattina in tribunale un giovane 24enne ha ingoiato una lametta mentre era in corso il suo processo. Il detenuto con problemi psicologici e tossicodipendente aveva già compiuto lo stesso gesto un anno e mezzo fa a Bologna

Questa mattina nel Tribunale di Parma un giovane 24enne sardo ha ingoiato una lametta mentre era in corso il suo processo. Il detenuto - L.S. - con problemi di tossicodipendenza, condannato a un anno per evasione dai domiciliari, aveva già compiuto lo stesso gesto un anno e mezzo fa a Bologna. Oggi ha dichiarato di aver ingoiato le lamette per protestare contro le condizioni di detenzione nel carcere di Ferrara e ottenere così il trasferimento. Il 24enne è stato portato al Maggiore dove sono in corso gli accertamenti. Le sue condizioni non destano preoccupazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Nuovo Dpcm entro il 9 novembre: stretta sulla attività commerciali e gli spostamenti interregionali

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Parma in controtendenza: pronto soccorso e terapie intensive non sono in emergenza

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento