menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dramma in via Burla, detenuto di 60 anni muore in carcere

Ieri mattina un detenuto di 60 anni è stato trovato morto ieri mattina. Lo ha reso noto il sindacato della polizia penitenziaria Sappe. Il primo a prestare soccorso all'uomo è stato l'agente in servizio

Un detenuto appartenente al circuito alta sicurezza, di circa 60 anni, è morto ieri mattina nel carcere di Parma. Lo ha reso noto il sindacato della polizia penitenziaria Sappe. Il primo a prestare soccorso all'uomo è stato l'agente in servizio nella sezione detentiva. Si tratta del secondo decesso avvenuto nel carcere di Parma quest'anno. Non ci sono certezze sui motivi del decesso. L'agenzia Ansa parla di un probabile infarto.


Sono stati 100 gli invii urgenti in ospedale, 120 i gesti di autolesionismo, 200 le proteste singole e 30 quelle collettive, venti i tentativi di suicidio. "Si tratta sicuramente - commenta il segretario generale aggiunto del Sappe, Giovanni Battista Durante - di un numero elevato di eventi critici che mettono a dura prova il già difficile compito della polizia penitenziaria. Nel carcere di Parma sono ristretti circa 60 detenuti sottoposti al regime del 41 bis, molti altri sono affetti da disabilità gravi, come i paraplegici".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento