"Diavolo, abbandona il suo corpo", madre picchia il figlio e lo obbliga a sottoporsi ad esorcismi: condannata

Il bambino, che ora vive con la nonna, ha subito maltrattamenti e lesioni dalla donna, condannata ad un anno e mezzo

Una donna, di orgine ucraina di 38 anni, è stata condannata ad un anno e mezzo di reclusione con le accuse di maltrattamenti e lesioni aggravate nei confronti del figlio di 12 anni che, nel corso degli ultimi mesi, ha subito violenze da parte della donna. Il bambino, che viveva in un contesto di disagio e di abusi, veniva picchiato dalla donna, con un passato da tossicodipendente e che aveva scaricato contro di lui tutta la sua rabbia. La nonna, alla quale il bimbo è stato poi affidato, aveva chiamato i carabinieri il 28 maggio, dopo che la figlia aveva maltrattato suo nipote. Oltre alle botte e alle minacce il bambino era stato anche costretto a sottostare a riti particolari: lo bagnava con acqua e sale e gli puntava addosso un crocifisso dicendo: "Diavolo, abbandona il suo corpo". Il piccolo, che è stato poi affidato alla nonna, ha raccontato tutto, ricostruendo quei terribili episodi. Dopo l'arresto la madre 38enne era stata allontanata dalla casa famigliare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento