menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dimissioni di Monari, i candidati alla segreteria cittadina del Pd: "Gesto di responsabilità"

"E' stato un gesto di responsabilità". Così i tre candidati alla segreteria cittadina del Pd - Caterina Bonetti, Matteo Caselli e Lorenzo Lavagetto - hanno commentato le dimissioni del capogruppo del Pd in Regione Marco Monari

"Credo che le dimissioni del capogruppo Monari siano state un atto di responsabilità nei confronti del partito e dell'amministrazione regionale". Così Caterina Bonetti, in gara per la segreteria cittadina del Pd, ha commentato le dimissioni del capogruppo del Pd in Regione Marco Monari, indagato come gli altri otto capigruppo nell' inchiesta della Procura di Bologna per peculato sulle spese dei consiglieri regionali.

"Spetta alla giustizia - ha continuato la Bonetti - individuare responsabilità ed eventuali abusi, ma a fronte di quanto emerso sui giornali e in un momento di così profonda crisi della politica ritengo sia stata la scelta migliore. Il Pd ha un preciso codice etico e penso che a questo si debbano attenere gli amministratori eletti. Ulteriori considerazioni potranno poi essere fatte quando si avrà un quadro certo dei fatti e qualora gli abusi trovassero riscontro credo si renderebbe necessario il decadimento dei responsabili da qualsiasi carica ricoperta".
"Fino ad allora però - conclude la Bonetti - ci si deve limitare a constatare la responsabilità di chi, a differenza di molti altri, ha preferito dimettersi in attesa di verdetto piuttosto che difendere una posizione personale a scapito della credibilità del partito".

Dello stesso parere anche gli altri candidati, Lorenzo Lavagetto e Matteo Caselli, che hanno giudicato le dimissioni di Monari come un gesto di responsabilità e chiarezza. "Spero che le indagini individuino le sue eventuali responsabilità dell'ex capogruppo e che se dovesse esserci un rinvio a giudizio il partito chiarisca il rapporto che ci lega a lui", ha dichiarato Caselli. Si attende, dunque, come sottolineato anche da Lavagetto che la vicenda venga chiarita per poter poi fare tutte le valutazioni del caso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento