Barriere: strada d'Azeglio, per i disabili il passaggio è un incubo

Oltre al cantiere sul lato sinistro della strada da qualche giorno ne è apparso uno su quello destro: quì le carrozzine non possono passare, a meno di non scendere dal marciapiedi e percorrere un lungo tratto in strada

Strada d'Azeglio inaccessibile

Strada Massimo d'Azeglio, cuore della città universitaria. Qui passano tante persone nell'arco di una giornata. Alcune di queste sono disabili che si muovono su una sedia a rotelle. Per loro da qualche giorno cercare di percorrere questa strada è diventato un incubo. Come avevamo mostrato qualche settimana fa il lato sinistro (venendo dal Ponte di Mezzo) è bloccato: un cantiere utilizzato per la ristrutturazione di alcune case impedisce l'accesso ai disabili poichè va a finire direttamente sul marciapiedi.

Dopo il nostro articolo è stata posizionata una rampa. Peccato che poco dopo ci sia una gradino parecchio alto. Un cartello suggerisce ai pedoni di andare sul lato destro del marciapiedi. Potrebbe sembrare incredibile ma da qualche giorno è apparso un secondo cantiere che blocca l'accesso ai disabili anche dall'altro lato della strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' un impalcatura con una scala posizionata proprio in mezzo al marciapiedi. Se per i pedoni il passaggio non è problematico, per i disabili sì. L'unica alternativa possibile è qttraversare un lungo tratto di via d'Azeglio in strada, passando sui gradoni, non certo ottimale per le ruote di una carrozzina. "Non è possibile - si sfoga un ragazzo in sedia a rotelle- e ora cosa dovrei fare? Scendere in strada o tornare indietro? Mi chiedo se chi apre questi cantieri non debba rispettare delle leggi o dei regolamenti: dovrebbe rispettare almeno il buon senso. Spero che qualcuno intervenga per risolvere questa situazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento