Tagli all'integrazione scolastica. Anmic: "E' una vergogna, ne fanno le spese gli alunni disabili"

Tagli ai Servizi di integrazione scolastica. La sezione di Parma dell'Anmic, l'associazione Nazionale mutilati ed invalidi civili, prende posizione e annuncia la partecipazione al presidio di domani mattina, sabato 6 dicembre, sotto i Portici del Grano.

Tagli ai Servizi di integrazione scolastica. La sezione di Parma dell'Anmic, l'associazione Nazionale mutilati ed invalidi civili, prende posizione e annuncia la partecipazione al presidio di domani mattina, sabato 6 dicembre, sotto i Portici del Grano. "L'Anmic è consapevole -si legge in una nota- che i tagli dei trasferimenti del Governo verso i Comuni sono pesanti e difficili da sostenere, ma pensare che i primi a farne le spese siano gli alunni disabili, e di conseguenza le loro famiglie, è una vergogna. Che i tagli mettano a rischio totalmente i Servizi di Integrazione scolastica per gli alunni con disabilità e le attività di supporto per il periodo estivo, a giudizio dell'Anmic, è frutto di una scelta insensata dell'Amministrazione, se non nell'ottica di una contrapposizione puramente politica al Governo. 

Il servizio pesa per 2,5 milioni sul bilancio comunale. Perchè tagliare completamente questa cifra, non particolarmente rilevante rispetto al bilancio comunale, e non invece operare tagli in altri ambiti o al peggio lineari? In questo modo, oltre a 150 educatori che si ritroveranno disoccupati, come al solito sarà la famiglia a doversi far carico dei problemi. Spesso i genitori si troveranno a compiere scelte drammatiche, come eventualmente lasciare il posto di lavoro per poter assistere i propri figli nel percorso educativo. Si verificherà così un calo di risorse nella famiglia, sempre più sola e abbandonata dalle Istituzioni che dovrebbero invece garantirne i diritti fondamentali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Anmic ricorda a tutti, e quindi anche all'Amministrazione comunale di Parma, che l'art. 34 della Costituzione, ai primi due commi recita: “La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita”. Questo principio costituzionale non è soltanto prerogativa del Governo, ma vincola anche l'operato delle Amministrazioni locali. L'Anmic, sezione provinciale di Parma, sostiene la protesta degli educatori e sarà presente domattina al loro fianco al presidio sotto i portici del Grano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento