menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Discarica abusiva di rifiuti pericolosi a Porporano: sequestrata un'area di 18 mila metri quadrati

L'assessore Casa: "ottimo lavoro della Polizia Municipale". Folli: : "Massima determinazione contro i rati ambientali"

Venerdì scorso la Polizia municipale ha posto sotto sequestro un’area di 18.000 metri quadrati nell’alveo del torrente Parma, in località Porporano, in esecuzione di un provvedimento del Giudice per le Indagini Preliminari di Parma, emesso  proprio a seguito di segnalazione degli stessi agenti comunali. Si ipotizzano in particolare i reati di gestione non autorizzata di discariche abusive di rifiuti pericolosi e inquinamento ambientale. 

Le indagini della municipale hanno condotto all’individuazione dei responsabili in quattro uomini, italiani, residenti a Parma e provincia, tutti titolari o soci di imprese artigiane, tre  dei quali legati da vincoli di parentela. 

I quattro artigiani,  in concorso fra loro, utilizzavano  l’area demaniale, peraltro soggetta a vincolo, per trattare e smaltire illecitamente rifiuti e materiali d’ogni tipo con grave danno all’ecosistema fluviale e rischi per la salute dei cittadini. I responsabili sono stati  deferiti all’Autorità Giudiziaria, che ha proceduto all’emissione del provvedimento cautelare nei loro confronti, disponendo la denuncia a piede libero. 

"Non posso che elogiare l'ottimo lavoro svolto anche in questo caso dalla polizia Municipale - sottolinea l'assessore Cristiano Casa -  Il che dimostra che i vigili non danno solo multe per la violazione del codice della strada, ma assolvono ad una serie di compiti, a volte delicati, oltre che impegnativi, che richiedono specifiche professionalità. In questo caso si tratta di un'importante operazione di Polizia Giudiziaria condotta in stretta collaborazione con la Magistratura, che ha portato alla scoperta e alla repressione di attività illecite gravi, che potrebbero comportare pericoli per i cittadini e per l'ambiente urbano". 

L'assessore all'ambiente Gabriele Folli, da parte sua, assicura che non si faranno sconti su episodi del genere: "Sulle tematiche ambientali - afferma - continueremo ad agire con la massima determinazione per colpire comportamenti che possono mettere a rischio la convivenza civile e la salubrità dell'ambiente". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: scuole di Parma e provincia vicino al rischio chiusura

  • Cronaca

    Covid: a Parma quasi 46 mila vaccinazioni

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa

  • Cronaca

    Firmato il Dpcm: tutte le restrizioni fino a Pasqua

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento