Discariche abusive, bonifica di Comune e Iren: raccolti più di 90 mila chili di rifiuti

Gli interventi di ripulitura, effettuati sia manualmente che con l’ausilio di mezzi meccanici, sono stati effettuati tra il 13 ed il 23 gennaio, per un impegno di quasi 200 ore di lavoro

"Nelle scorse settimane -si legge in una nota del Comune di Parma- un intervento straordinario di rimozione dei rifiuti da parte di Iren Ambiente ha permesso di bonificare diverse aree critiche dove abitualmente venivano effettuati scarichi abusivi. Si tratta di aree localizzate in strada Naviglio Alto, via Paradigna, strada del cane, strada Ugozzolo, via Carlo Nascia, strada principale di Beneceto, strada del Traglione, via Keplero, strada Traversetolo, strada Valera di Sopra, via Barbacini, strada Corte di Pedrignano, strada Corte del Macchione, strada Cornocchio, via Rizzi, via Azzali, tangenziale del Ducato, via Jotti, via Setti, via Cocchi, strada Tronchi, via Morse, strada Pedemontana ed altre zone di scarico abusivo.

Gli scarichi abusivi, tra i quali rifiuti ingombranti, residui di lavorazione, calcinacci, mobili, sedie, secchi di detriti, cartongesso, plastica, pannelli isolanti, pregiudicavano gravemente il decoro dei luoghi: per questo motivo Iren Ambiente, di concerto con l’Amministrazione Comunale, si è fatta carico di ripulire le aree interessate. Gli interventi di ripulitura, effettuati sia manualmente che con l’ausilio di mezzi meccanici, sono stati effettuati tra il 13 ed il 23 gennaio, per un impegno di quasi 200 ore di lavoro. Sono stati raccolti 90480 kg di rifiuti, che sono stati avviati alle piazzole attrezzate per la cernita, la separazione delle parti recuperabili e lo smaltimento del residuo.

Le aree ripulite sono ora oggetto di monitoraggio: di concerto con la Amministrazione Comunale, sono stati mobilitati gli Ispettori Ambientali per la sorveglianza di queste aree sensibili, molte delle quali al confine con aree private, interessate agli scarichi.

“I fenomeni di abbandono dei rifiuti – ha esordito il sindaco Federico Pizzarotti – sono certamente atti di inciviltà, ma forse anche di scarsa conoscenza delle modalità di conferimento e raccolta dei rifiuti, del ruolo dei Centri di raccolta e della loro dislocazione sul territorio. Un fenomeno che nulla ha a che vedere con la raccolta differenziata dunque: questa è anche un’occasione per informare i cittadini. “Le operazioni svolte – ha detto l’assessore all’Ambiente Gabriele Folli – hanno voluto riportare anche le zone più degradate ad una situazione normalizzata rispetto l’abbandono di rifiuti, da cui ripartire con tutti i controlli possibili. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le azioni di Vigili ed Ispettori Ambientali, assieme alle Guardie Ecologiche, comprenderanno anche appostamenti fotografici e riprese video per individuare e multare i trasgressori”. “L’intervento è stato proposto da Iren Ambiente alla Amministrazione Comunale” - ha sottolineato Claudio Civa, responsabile di Iren Ambiente per l’area di Parma - “per fare un punto zero della situazione. Ora le aree sono state ripulite ed il decoro è stato stabilito, sia pure con un impegno gravoso di uomini e di mezzi che sono stati mobilitati da Iren Ambiente, in segno di responsabilità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Allerta meteo arancione per temporali, temperature in picchiata

  • Coronavirus, a Parma zero decessi e zero contagi

Torna su
ParmaToday è in caricamento