menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola: insegni religione, ma non quella cattolica? Allora non ti pago!

La denuncia della Cisl: "Decine di docenti non percepiscono lo stipendio da settembre a causa dell'ottusità burocratica della Ragioneria dello Stato di Parma. Ci rivolgeremo alla Corte dei Conti e alla Procura"

Questa volta non c’entrano né i tagli, né la cosiddetta “riforma Gelmini” ma l’ottusità burocratica che si annida in qualche ufficio: decine di insegnanti  di Parma e  del Parmense non percepiscono lo stipendio da settembre.

Si tratta degli insegnanti di attività alternativa alla religione cattolica. I fondi ci sono perché lo prevede la legge, infatti nel resto d’Italia non sussiste alcun problema. Solo a Parma la Ragioneria Territoriale dello Stato, in particolare una funzionaria che vi lavora, asserisce che non sarebbero gestibili dalla Direzione Territoriale Economia e Finanze i capitoli di bilancio indicati nella circolare dell’Ufficio Scolastico Regionale, che ha come oggetto:

«Indicazioni operative per lo svolgimento delle attività alternative all’insegnamento della religione cattolica», effettivamente potrebbe esserci un errore materiale, la circolare emiliano-romagnola indica capitoli di bilancio da cui attingere le risorse finanziarie con numerazioni diverse rispetto a quelli indicati nelle altre regioni, ma questo appare un cavillo. Inoltre nel rifiutarsi di versare gli emolumenti la Ragioneria dello Stato di Parma, sta scrivendo alle scuole, contestando i contratti di lavoro, entrando anche nel merito dell’attività scolastica permettendosi di eccepire l’obbligatorietà di questo particolare insegnamento, che è previsto dal Trattato internazionale tra Italia e Santa Sede.

In una nota inviata alle autorità scolastiche regionali e provinciali ed alla Ragioneria dello Stato, il segretario generale della Cisl Scuola di Parma, Maria Gentilini, minaccia di rivolgersi alla Corte dei Conti per far sì che vengano richiesti i danni a coloro che sbagliando stanno per far sì che il personale inneschi l’ennesimo contenzioso legale, creando così un pesante danno erariale, e chiede i nomi dei funzionari responsabili per valutare se sussistano gli estremi per denunciarli anche alla Procura della Repubblica.

In merito a quest’ennesima disfunzione, interviene Salvatore Pizzo, del consiglio generale della Cisl scuola: «Come al solito chi ci rimette sono sempre i precari, che in realtà sono docenti di una certa età in servizio da anni, perché le scuole avendo vuoti di organico chiamano i docenti dalle graduatorie, chi di dovere è meglio si metta in tesa che gli insegnanti precari di Parma non sono disposti più ad abbozzare, evidentemente in questi anni si è scambiata la nostra correttezza come una sorta di sudditanza psicologica, ma nel caso specifico il danno riguarda anche i docenti di ruolo, perché quasi sempre per frazioni minime sotto le sei ore settimanali, questo insegnamento è stato conferito al personale interno come orario aggiuntivo. Personalmente auspico che di fronte a comportamenti cervellotici, qualcuno inizi ad udire il tintinnio delle manette, in questo caso gatta ci cova, vogliamo sapere questi soldi dove sono se non nei capitoli di bilancio previsti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa

  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento