menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il convivente la picchia: donna 'salvata' dai finanzieri: 42enne arrestato per stalking

Accolta nella caserma della Guardia di Finanza di Parma, ha sicuramente evitato conseguenze peggiori. Molto scossa e con evidenti i segni dei maltrattamenti appena subiti, la donna ha chiesto l'aiuto dei Finanzieri

Accolta nella caserma della Guardia di Finanza di Parma, ha sicuramente evitato conseguenze peggiori. Molto scossa e con evidenti i segni dei maltrattamenti appena subiti, la donna ha chiesto l’aiuto dei Finanzieri, i quali l’hanno protetta dalle ulteriori violenze del suo convivente. L’aggressore, infatti, continuava a inviarle minacce via SMS, mentre la cercava in giro per la città e la tempestava di chiamate al cellulare. Prontamente acquisita la querela, la vittima è stata accompagnata all’Ospedale Maggiore, dove sono state confermate le lesioni subite.

Sono così scattate le indagini, per confermare gli episodi di maltrattamenti, lesioni personali ed atti persecutori (il c.d. “stalking”). Rintracciati pure i testimoni in grado di confermare che le violenze andavano avanti ormai da mesi. I Finanzieri si sono quindi recati in casa dello stalker e lo hanno accompagnato in caserma, distante solo un centinaio di metri. Grazie alle prove raccolte, sentito il Magistrato di turno in Procura, l’aggressore è stato tratto in arresto. Anche in presenza dei militari, l’aggressore ha continuato a minacciare la donna. Nutrito l’elenco dei precedenti penali dello stalker: dallo spaccio di sostanze stupefacenti ad episodi di danneggiamento e porto abusivo di armi, fino a specifici episodi di maltrattamenti e lesioni personali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento