menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Picchiava e violentava da oltre un anno la moglie: arrestato moldavo

Un anno di violenze, fisiche e psicologiche da parte del marito, che era arrivato a colpire con calci e pugni la 27enne moldava anche davanti alle figlie piccole. Denunciato dopo oltre un anno, arrestato per violenza sessuale, lesioni gravi e stalking

Un incubo che ha visto la fine solo ieri quello di una donna moldava di 27 anni residente a Parma, che per almeno un anno ha dovuto subire la furia violenta di suo marito, un operaio moldavo 35 enne. Pugni, calci, lesioni gravi costate ripetuti accessi al pronto soccorso con prognosi di almeno 15 giorni alla volta, violenza sessuale completa e aggressioni anche davanti alle figlie minorenni della coppia. Una situazione difficile, da cui la donna non riusciva a uscire da sola, anche per la responsabilità nei confronti delle figlie piccole che frequentano le scuole elementari. Anni di sconforto per le violenze non solo fisiche ma anche psicologiche, che rendevano ancor più difficile alla donna trovare il modo di scappare.

E' stato grazie a un'amica di Parma, con cui la donna si è confidata, che è stato possibile dare una svolta a una situazione di violenza domestica e non solo. Davanti al racconto sofferto della vittima la decisione dell'amica di aiutare la donna a scappare e a rifugiarsi nella sua abitazione con le figlie. Solo allora, quando la donna pensava ormai di essere al sicuro, la decisione di denunciare le angherie di suo marito alla Polizia, anche in questo caso è stato fondamentale il supporto e la stimolo forniti dall'amica della vittima. Una denuncia per lesioni sporta solo nel settembre 2013, dopo oltre un anno di violenze, a cui sono seguite le indagini della sezione delitti contro la persona della Mobile. Nonostante la denuncia, il marito della donna ha continuato a perseguitarla conoscendo i luoghi da lei frequentati, molestandola con telefonate, sms e pedinamenti. L'uomo è arrivato persino a piccchiarla per strada e rapinarla della sua borsetta appropriandosi dei suoi averi. Presa dalla disperazione, la donna è arrivata a licenziarsi dal lavoro per cercare di non essere più perseguitata da suo marito. Grazie alle prove raccolte nelle indagini delegate dal sostituto procuratore Daniela Nunno, l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip Cristina Sarli. Ieri 27 novembre alle 16,30 l'arresto del cittadino moldavo in Piazzale della Pace. Ora l'uomo si trova in carcere, su di lui le accuse di maltrattamenti famigliari, violenza sessuale, stalking e lesioni gravi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Cronaca

    Bonaccini: "Se i contagi aumentano, pronti a chiudere le scuole"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento