Droga, arrestati 13 rugbisti: spacciavano alle partite e ai concerti

I carabinieri hanno arrestato 37 persone tra cui anche la campionessa italiana di 'natural body building'. L'operazione e' stata chiamata 'Flanker' dal ruolo di uno dei protagonisti nella sua squadra di rugby

Arresto dei carabinieri, foto Gatti-Furia

Ha portato complessivamente a 37 arresti (19 ordinanze di custodia cautelare e 18 arresti in flagranza di reato) e 33 denunce, alla segnalazione di numerosi consumatori di droga e al sequestro di circa 10 kg di sostanze "di alto grado di qualità e purezza" un'operazione condotta dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Piacenza in Emilia e Lombardia, che ha inflitto un duro colpo ai traffici di droga nelle province di Piacenza, Parma, Varese, Pavia, Lodi e Milano. Le indagini, cominciate nel settembre 2010, sono partite dal monitoraggio di un gruppo di trafficanti albanesi e hanno portato alla scoperta di un vasto giro di cocaina legato al mondo del rugby.

Gli investigatori hanno documentato a Rivergaro i nascondigli di partite di cocaina destinate perlopiù a ristoratori di Piacenza e di Niviano, oltre che al canale rugbystico, legato in particolare ad una squadra piacentina. I personaggi chiave sono ritenuti dagli investigatori il 'flanker' N.F.M., 40 anni, detto 'Pippo braccio', e la sua compagna M.C.B. detta 'Mara', 25 anni, campionessa di body building, accusati di spaccio di cocaina, hascisc e marijuana nel mondo del rugby e di noti locali pubblici del Piacentino. Maserati come seconda attività svolgeva la mansione di buttafuori in alcuni locali assieme ad altri rugbisti che militano in squadre del Piacentino e del Parmense, molti dei quali acquirenti di cocaina e alcuni dei quali a loro volta spacciatori in locali pubblici e circoli sportivi. Cessioni di droga sono state documentate dai Cc durante gli allenamenti o poco prima dell'inizio di alcuni incontri della compagine piacentina, in un caso - il 10 aprile 2011 nel corso del derby cittadino fra le due principali squadre - anche sugli spalti e negli spogliatoi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Punto nevralgico dell'attività era un locale di Fiorenzuola d'Arda, i cui gestori sono stati arrestati. Inoltre il gruppo di rugbisti-buttafuori ha 'riversato' lo scorso anno, all'oscuro degli artisti impegnati nei concerti, ingenti quantità di droga in occasione di noti eventi musicali (Heineken Jammin' Festival a Mestre, Sonisphere a Imola, I Day Festival a Bologna, i concerti di Vasco Rossi e dei Take That allo stadio San Siro di Milano) dove svolgevano mansioni di security. La droga veniva occultata e trasportata su un camper usato dal gruppo per gli spostamenti in occasione dei concerti. Altri ambienti di spaccio erano quelli dei 'bikers', in locali frequentati dai motociclisti e in occasione di motoraduni, e la tifoseria della principale squadra di calcio piacentina. Su quest'ultimo filone era molto attiva per i carabinieri una barista 40enne, P.A. (raggiunta da misura cautelare), che si occupava di spacciare ad appartenenti della 'curva nord' e a giocatori di squadre dilettantistiche o di categorie minori della provincia. I maggiori 'rifornimenti' ai tifosi sono stati rilevati in occasione di quattro incontri (19 marzo 2011 Atalanta-Piacenza, 11 giugno Albinoleffe-Piacenza, 25 settembre Piacenza-Cremonese, 27 novembre Piacenza-Triestina); nelle trasferte le cessioni di droga avvenivano soprattutto direttamente sui pullman dei tifosi. Misura cautelare anche per un'avvocatessa piacentina di 44 anni, ritenuta 'spalleggiatrice' dell'attività illecita degli spacciatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Parma, un positivo al covid: scatta il ritiro per la squadra

Torna su
ParmaToday è in caricamento