rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Si fa spedire un 'litro' di droga dello stupro: arrestato 63enne parmigiano

L'uomo è stato bloccato mentre ritirava una grossa quantità di Gbl puro, dal quale avrebbe potuto ricavare mille dosi giornaliere

Si è fatto spedire a casa un pacco con all'interno un flacone con un litro di droga dello stupro, dal quale si sarebbero potute ricavare oltre mille dosi giornaliere. Un parmigiano di 63 anni, le cui iniziali sono R.D. è stato arrestato dai poliziotti della Squadra Mobile di Parma nella giornata di lunedì 15 novembre.

L'uomo, sorpreso poco dopo aver ritirato il pacco - proveniente dalla Francia - con all'interno Gamma Butirrolattone - comunemente chiamata GBL puro e da cui sarebbero potute esser ricavate oltre 1000 dosi medie giornaliere - è stato arrestato in flagranza di reato. Le indagini sono partire da una segnalazione del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia che ha comunicato alla Squadra Mobile di Parma che la Polizia francese aveva intercettato dei plichi contenenti 14 litri di GBL inviati a vari cittadini residenti in Italia, tra cui il 63enne R.D..

GIà nel 2019, il Gruppo della guardia di finanza di Milano Linate aveva sequestrato un plico contenente la stessa sostanza indirizzata ad un tale R. D., tuttavia, il reale destinatario del plico non era mai stato identificato. Gli accertamenti condotti dagli investigatori della Sezione Antidroga sul nominativo indicato, hanno consentito di identificare il potenziale destinatario del plico contenente GBL: oltre alla coincidenza del nome stesso, emergeva una sicura compatibilità tra gli indirizzi indicati per le consegne ed i luoghi di lavoro e di effettivo domicilio dell’uomo.

Dopo le indagini la Procura della Repubblica e il Magistrato assegnatario del fascicolo hanno emesso un decreto di perquisizione a carico del 63enne. Nella giornata di lunedì 15 novembre, Agenti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Parma hanno fatto un sopralluogo dei luoghi frequentati dall’uomo, in preparazione della successiva perquisizione. Proprio durante questi sopralluoghi hanno notato che l'uomo era stato avvicinato da un corriere che, dopo avergli fatto firmare una ricevuta di ritiro, gli aveva consegnato un plico di ridotte dimensioni che il 63enne aveva messo subito in auto. 

I poliziotti, a quel punto, hanno effettuato la perquisizione ed hanno recuperato il plico appena ritirato all’interno del quale vi era, effettivamente, un flacone sigillato con etichetta industriale, contenente una sostanza liquida trasparente che, da accertamenti effettuati dalla Polizia Scientifica, risultava essere Gamma Butirrolattone (comunemente chiamata con l’acronimo GBL) puro e da cui sarebbero potute esser ricavate oltre mille dosi medie giornaliere. Il 63enne è stato arrestato in flagranza di reato e messo agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida innanzi al Gip. Nel corso dell’udienza di convalida, è stata convalidata la misura precautelare adottata ed il Gip ha applicato, nei confronti dell'uomo, la misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Ghb: cos'è la droga dello stupro

Il GHB (gamma-idrossibutirrato), la cosiddetta droga dello stupro, è trasformato nell’organismo nel neurotrasmettitore  GABA, sostanza che nel cervello regola gli stati di veglia, il sonno e stimola l’ormone della crescita. Il GBL (gammabutirrolattone) e il 1,4-Butandiolo (BDO) sono precursori del GHB che nell’organismo sono trasformati in GHB.

Ghb: gli effetti collaterali 

Fra gli effetti conosciuti del GHB, seppure molto variabili da persona a persona, ci sono anche vertigini, allucinazioni, stati di confusione e difficoltà a coordinare i movimenti. Sono stati riportati anche casi di nausea, vomito, convulsioni e collassi, fino al coma e alla morte, molto spesso per interazione con alte dosi di alcol o con altre sostanze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si fa spedire un 'litro' di droga dello stupro: arrestato 63enne parmigiano

ParmaToday è in caricamento