menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Duc B, riparte il cantiere fermo dal 2011, Pizzarotti: "Pronto entro fine anno"

Soddisfazione espressa dal sindaco Pizzarotti e dall'assessore Alinovi per la riapertura del cantiere Duc B. Quattro piani che ospiteranno le partecipate, con front office per il cittadino, pronti entro fine anno

"Siamo soddisfatti del lavoro svolto sinora, abbiamo delineato un percorso chiaro, finalmente siamo riusciti a ripartire con un cantiere fermo dal 2011". Così il sindaco Federico Pizzarotti esprime soddisfazione per la riapertura del cantiere del Duc B, che dovrebbe concludersi entro la fine dell'anno. L'obiettivo è quello di ospitare uffici delle diverse partecipate del Comune, per ottenere anche un risparmio economico abbattendo gli attuali costi di affitto in altri immobili. Quattro piani che ospiteranno, al -1, il data center di Lepida spa, società in house della Regione dedicata alla progettazione e gestione risorse infrastrutturali telematiche e servizi per la pubblica amministrazione. Al piano terra sarà ospitato il front office di Parma Gestione Entrate, Infomobility e l'Agenzia territoriale per l'energia di Parma. Al primo piano ci sarà il back office di Parma Gestione Entrate, al secondo il back office di It.City società che si occupa di information technology per gli aspetti informatici e organizzativi del Comune. Al terzo piano Parma Infrastrutture e al quarto gli impianti comuni e il magazzino.

Risale al 2010 l'aggiudicazione dell'appalto alla ditta Carlo Gavazzi Impianti, con una sospensione nel 2011 per assenza di finanziamenti. Ora l'amministrazione è giunta a un nuovo accordo con una rielaborazione del progetto originario per far ripartire i lavori e portarli a termine entro fine anno, con un costo complessivo di 3.800.000 euro,  compreso il finanziamento del Comune pari a 2.200.000 euro. Un traguardo importante secondo l'assessore Michele Alinovi che sottolinea l'importanza della riqualificazione urbanistica e della scelta strategica di concentrare in un unico luogo le partecipate di Parma. "Maggiori servizi con uno sportello al cittadino che comporta anche un risparmio economico. Il progetto di completamento del direzionale unico prevede anche la presenza di due accessi da viale Mentana e viale Fratti completamente fruibili. E' prevista anche la realizzazione, nel piano triennale delle opere pubbliche, del completamento dell'area verde".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 176 casi e un decesso

  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento