Ebola, Rainieri attacca il Governo: 'Il rischio contagio in Italia esiste"

Il rischio contagio Ebola in Italia esiste, lo certifica lo stesso ministero della Sanità sbugiardando Renzi e Alfano”. Così Fabio Rainieri, segretario nazionale della Lega Nord Emilia e Mirka Cocconcelli, consigliere comunale a Bologna commentano la segnalazione del ministero della Sanità

“Il rischio contagio Ebola in Italia esiste, lo certifica lo stesso ministero della Sanità sbugiardando Renzi e Alfano”. Così Fabio Rainieri, segretario nazionale della Lega Nord Emilia e Mirka Cocconcelli, consigliere comunale a Bologna commentano la segnalazione del ministero della Sanità che chiarisce come il contagio da virus Ebola in Italia non è impossibile. “Una comunicazione – spiegano - datata 13 agosto con la quale il ministero allerta gli assessorati alla Sanità, gli uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera, oltre alle Capitanerie di porto, agli operatori della Cri, alla direzione della sanità militare, ai centri di eccellenza per la cura delle malattie infettive, alle forze dell’ordine e ai comandi militari, mettendoli in guardia in merito alle procedure da tenere per scongiurare il diffondersi della malattia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione – denunciano Rainieri e Cocconcelli -, è grave. Molto più di quello che vogliono farci credere. Senza creare inutili allarmismi, va detto che il rischio contagio, per quanto remoto, esiste eccome. Ed esiste ancora di più per quelle persone che lavorano fianco a fianco con chi ogni giorno sbarca sulle nostre coste. Per chi abita nei punti divenuti ormai porti della speranza e per gli operatori socio sanitari.   Un rischio altissimo che non possiamo permetterci di correre. Per questo è necessario e improcrastinabile mettere un freno all’operazione Mare Nostrum. Almeno fino a quando con la collaborazione dell’Europa non la si sia ridisegnata completamente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento