menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Efficienza del Tribunale: Maestri e Romanini presentano un'interrogazione

I parlamentari del PD interrogano il Ministro Orlando richiedendo che a Parma sia effettuato un incremento del numero dei magistrati per non penalizzare un Tribunale, che pur in carenza di organico, ha funzionato al meglio delle possibilità e in maniera efficiente.

“Sulla base del decreto ministeriale per la revisione della piante organiche degli uffici giudiziari di primo grado, in corso di adozione in conseguenza alla revisione delle circoscrizioni giudiziarie, il tribunale di Parma risulterebbe escluso da qualsiasi incremento del numero di magistrati in servizio, in quanto, benché sulla base del numero dei residenti nel circondario abbia diritto ad un aumento di 4 giudici e ad un ulteriore giudice in ragione del numero medio delle sopravvenienze calcolato con riferimento al quinquennio 2006-2010, il positivo rapporto tra pendenze e sopravvenienze impedirebbe ogni ulteriore assegnazione”.

Per questa ragione i deputati di Parma del Partito Democratico hanno presentato un’interrogazione al Ministro della Giustizia Andrea Orlando, ribadendo la richiesta di incrementare il numero di magistrati in servizio presso gli uffici giudiziari di Parma già avanzata in precedenza.

“Una situazione paradossale” –  hanno spiegato i due parlamentari  – “che rischia di penalizzare significativamente, anche rispetto a tutti gli altri uffici giudiziari dell’Emilia-Romagna, il  tribunale e la procura della Repubblica di Parma che, benché gravati da numerosi procedimenti, si sono distinti per una buona gestione dell’arretrato e nella conduzione dei tempi dei nuovi procedimenti”.

“I riscontri numerici presi a riferimento dal Ministero non sono sufficienti a dare contezza del reale carico di lavoro degli uffici giudiziari di Parma che risentono, inevitabilmente, della ricchezza e della vitalità del tessuto imprenditoriale provinciale classificato dal CENSIS al 12° posto su scala nazionale, dei numerosi procedimenti civili e penali scaturiti dal  crack  Parmalat che ancora impegneranno il tribunale per numerosi anni e dal fatto che il circondario di Parma non è purtroppo esente dal fenomeno della criminalità organizzata”

“Chiediamo al Ministro Orlando” – hanno concluso Romanini e Maestri – “di adottare tutte le più utili iniziative di competenza al fine di adeguare alle reali esigenze del territorio la dotazione organica dei giudici in servizio presso il tribunale di Parma.  E’  un’esigenza reale di cui abbiamo sentito il dovere di farci interpreti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Attualità

Cgil: assemblea per far ottenere i rimborsi ai rider

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento