Regionali, Rainieri: “Binomio cultura eccellenze culinarie per il parmense”

Sicurezza, sanità, welafare, cultura e agroalimentare i punti cardine del programma del candidato alle prossime elezioni regionali per la Lega Nord Fabio Rainieri

Fabio Rainieri, candidato regionale Lega Nord

Sanità, sicurezza, cultura e politiche del welfare: queste le priorità del programma del candidato regionale per la Lega Nord Fabio Rainieri. L’agroalimentare come volano per rilanciare l’economia del territorio la proposta del candidato leghista: “Il Parmense ha tre risorse fondamentali: il parmigiano reggiano, il prosciutto e Giuseppe Verdi. Occorre favorire politiche che uniscano la cultura e l’agroalimentare, promuovendo maggiormente il territorio, ricco di pievi e di musei minori, valorizzandolo anche attraverso questo binomio di cultura ed eccellenze culinarie”. Secondo Rainieri occorre attuare nuove politiche per il rilancio e l’esportazione del Parmigiano Reggiano in una provincia dove “il 75% è occupato nel settore agroalimentare. Rilanciare la cultura per rilanciare l’economia, questa la chiave giusta per contrastare la disoccupazione giovanile e favorire il benessere della città”. Nota critica sulla gestione amministrativa a livello regionale, secondo Rainieri il Pd nel corso degli anni avrebbe" favorito privilegi in a favore degli aderenti al partito a scapito di scelte nell'ottica della meritocrazia, come dimostra l'esempio delle cooperative".

La tutela dell’ambiente altro punto caro a Rainieri, che accusa la sinistra di aver attuato politiche da “finti ambientalisti, invece di adottare le vecchie buone operazioni per la salvaguardia come la pulizia regolare dei letti dei fiumi e ciò che nel passato aveva scongiurato i disastri ambientali”. Punto cardine del programma della Lega Nord per voce del suo candidato regionale rimane il tema sicurezza, con una netta posizione di contrasto all’immigrazione irregolare e clandestina che secondo Rainieri graverebbe anche sulla sanità e sul welfare. “Occorre dare priorità ai parmigiani, rispetto chi arriva in Italia regolarmente, trova lavoro e paga le tasse ma non si può tollerare l’arrivo in massa di clandestini irregolari che anche a Parma tolgono il posto agli italiani – sostiene Rainieri -. Problemi che si ripercuotono nella sanità, con liste d’attesa più lunghe, contro le quali propongo di seguire il modello lombardo tenendo aperti gli ospedali sino alle 22, e nell’assegnazione delle case popolari”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul settore del welfare la nota particolarmente dura di Rainieri, che ritiene che sia necessario un cambio di metodo per la gestione delle liste d’attesa per l'assegnazione di alloggi per famiglie in difficoltà. “Non è accettabile che passino davanti ai parmigiani che hanno sempre pagato le tasse immigrati dal reddito inesistente o dal finto reddito. Occorre cambiare il sistema per dare maggiore dignità ai parmigiani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento