Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Entrano in casa di un 49enne per estorcergli denaro: in manette un 26enne rumeno

L'episodio si è verificato a Polesine Zibello: due persone hanno danneggiato gli infissi dell'abitazione, per il complice 22enne denunce e divieto di avvicinamento

Sono entrati all'interno del cortile dell'abitazione di un 49enne di Polesine Zibello, insieme al quale alcuni giorni prima aveva consumato droga, e dopo aver danneggiato gli infissi della casa hanno chiesto insistentemente denaro. Due cittadini rumeni, un 26enne e un 22enne, sono stati identificati dai carabinieri al termine di alcune indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Parma. Per il 26enne - accusato di estorsione, danneggiamento e detenzione ai fini di spaccio - si sono aperte le porte del carcere di via Burla mentre il 22enne è stato denunciato per estorsione e danneggiamento ed è stato raggiunto dal divieto di avvicinamento alla persona offesa.

L'episodio si è era verificato a fine febbraio del 2021: i due, dopo essere entrati nel cortile dell'amico 49enne, hanno iniziato a chiedere dei soldi: l'uomo perà ha chiamato subito i carabinieri. La pattuglia, giunta sul posto in pochi minuti, sono riusciti a bloccare l'auto a bordo della quale si trovavano i due rumeni, entrambi residenti a Stradella, in provincia di Pavia.

Il Giudice per le Indagini Preliminari ha accolto la richiesta del Pubblico Ministero ed ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il 26enne: nella sua abitazione i militari hanno trovato un manganello telescopio, un taser, diversi grammi di marijuana, bilancini di precisione ed una decina di grimaldelli. I due, oltre ad essere stati fermati sul posto dai carabinieri, erano stati ripresi dalle telecamere e riconosciuti dalla vittima 49enne che, qualche giorno prima, aveva consumato con loro della droga. Per il 22enne è scattato il divieto di avvicinamento. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entrano in casa di un 49enne per estorcergli denaro: in manette un 26enne rumeno

ParmaToday è in caricamento