menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Eridania, sospesa la campagna dello zucchero a San Quirico

“E' una situazione – commenta Gianpaolo Serpagli, segretario provinciale del Pd – che rischia di creare molte difficoltà nel nostro territorio, ma le amministrazioni sono al lavoro per far trovare una soluzione”

“La giunta comunale di Sissa-Trecasali, con il sindaco Bernardi in prima fila, e la Regione stanno facendo di tutto per non perdere un importante stabilimento della nostra provincia e salvaguardare i tanti posti di lavoro”. Il Partito democratico di Parma, per bocca del suo segretario provinciale Gianpaolo Serpagli, interviene sull'annunciata sospensione la campagna bieticolo saccarifera del 2016 nel bacino dello zuccherificio di San Quirico di Trecasali. “E' una situazione – commenta Serpagli – che rischia di creare molte difficoltà nel nostro territorio, ma le amministrazioni sono al lavoro per far trovare una soluzione”.

Il Partito democratico di Parma, con tutti i suoi amministratori, ha seguito da vicino l'intera vicenda. “Capiamo – continua Serpagli – le difficoltà attuali dell'azienda che fatica a trovare le barbabietole in zona e quelle degli agricoltori che, visti gli scarsi risultati economici, decidono di dedicarsi ad altre coltivazioni. Molte problematiche dipendono, però, da scelte fatte dai Governi Berlusconi che, nel 2006 ha dato il via libera alla riduzioni degli zuccherifici in Italia e poi nel  2009 non ha mai conferito i fondi promessi a chi decideva di coltivare barbabietola da zucchero, mettendo in enormi difficoltà che lavorava in questo ambiente”.

Per questo il Pd parmigiano ci tiene anche a rispondere a chi, come l'esponente leghista Fabio Rainieri, prende posizioni accusando di 'dimenticarci delle eccellenze'. “Fa un certo effetto – spiega Serpagli – leggere dichiarazioni di solidarietà ai lavoratori del settore da esponenti di forze politiche che facevano parte di un governo che ha messo in ginocchio l'intero settore con scelte scellerate di cui oggi stiamo pagando le conseguenze”. 

Ma l'obiettivo dei democratici non è quello di far polemiche ma provare a cercare insieme una soluzione. “Il fatto che l'azienda – conclude Serpagli – abbia dichiarato di voler garantire gli impianti per consentire un'eventuale ripresa delle attività nel prossimo anno ci fa ben sperare. Ora è necessario lavorare insieme per tentare di risolvere questo problema e riportare i lavoratori al loro posto o, se questo non fosse possibile, provare ad ipotizzare una possibile alternativa che permetta di salvaguardare i posti di lavoro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento