Sotto l'albero di Natale? Un etto di eroina. In manette 2 conviventi

Inconsueto regalo per Natale. Gli agenti della Squadra Mobile hanno guastato le feste a una 20enne parmigiana e un 33enne tunisino, che vivevano in un appartamento usato come base per lo spaccio

Un etto di eroina sotto l'albero di Natale. Un inconsueto regalo di Natale ma sicuramente di altro valore economico. E' questa la scoperta che hanno fatto gli agenti della Squadra Mobile che hanno perquisito l'abitazione di una coppia di giovani, nei confronti dei quali avevano avviato da tempo un'attività investigativa. Due conviventi: lui F. J. un 33 tusinino, lei  E. L. una 20enne parmigiana. Nella loro casa, che fungeva anche da luogo d'appoggio per lo spaccio, i poliziotti hanno trovato la droga nascosta sotto l'albero per non destare sospetti. I due giovani sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio. La metà dell'eroina trovata era divisa in dosi, pronte per essere vendute agli acquirenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento