menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Con l'eroina nei calzini: arrestati 2 pusher davanti al Toschi

I carabinieri di Parma hanno arrestato una ragazza parmigiana e un giovane marocchino mentre spacciavano nei pressi dell'Istituto. Nelle loro 'camerette' nelle case dei genitori gli strumenti del mestiere

Si trovavano regolarmente davanti all’Istituto Toschi ma di certo l’interesse non era quello per lo studio. Nuovi arresti sul fronte spaccio per i carabinieri di Parma. Lunedì 18 marzo nel primo pomeriggio i militari in abiti civili hanno avvistato due giovani mentre si aggiravano davanti all’istituto. I due volti già noti ai carabinieri sembrano essere in attesa e infatti poco dopo ecco arrivare un giovane parmigiano.

Velocemente il gruppo si è appartato presso le scalette vicino alla Ghiaia, ad osservarli da lontano i militari in borghese. La ragazza N.D. di 25 anni residente a Berceto ha tirato fuori una busta sospetta passata poi nella mani di lui, Z.A. un marocchino dell'86 residente a Colorno. Il giovane pusher ha fatto vedere la merce all’acquirente, un ragazzo parmigiano di 23 anni. Il tutto sotto gli occhi attenti dei militari. I ragazzi sono stati perquisiti immediatamente dalle forze dell’ordine. La ragazza è stata trovata con addosso 0,5 grammi di eroina nascosta nel calzino e 14 grammi di marijuana nella borsetta.

Tanto basta per far partire anche le perquisizioni nelle abitazioni. Entrambi i pusher vivono ancora con i genitori che all’arrivo dei militari si sono ritrovati spiazzati e increduli. Nelle camere dei loro “bambini” infatti sono stati trovati pipette per inalazione, una bottiglietta di ammoniaca usata per diluire le sostanze stupefacenti, stagnola e cucchiaini usati e un narghilè, strumento utilizzato per l’inalazione del fumo.

Per i giovani pusher sono scattati subito i domiciliari. Oggi il processo per direttissima ha convalidato la condanna a 20 mesi di reclusione: pena sospesa per lei e domiciliari per lui che all’attivo ha già precedenti per spaccio e droga. Per il consumatore parmigiano, fermato prima di poter comprare la droga non c’è stata nessuna segnalazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Sport

    Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento