Esodati, sala della Cgil strapiena. Patrizia Maestri: "Presto una legge"

Incontro a Parma con Marialuisa Gnecchi, capogruppo Pd in Commissione lavoro. Obiettivo dell'appuntamento aprire un dialogo con la rete degli esodati di Parma, Modena, Bologna, Lodi e Piacenza

“Basta, il debito pubblico non può essere pagato solo dalle pensioni. La Fornero non ha varato una riforma ma una manovra di risparmio che frutterà 80 miliardi dal 2012 al 2021”, risorse che devono essere impiegate per sanare la ferita che lo Stato ha aperto con gli esodati e per allargare la platea anche ai lavoratori licenziati dalle piccole aziende. Lo ha spiegato oggi a Parma Marialuisa Gnecchi, capogruppo Pd in Commissione lavoro, incontrando insieme alla deputata e collega di Commissione Patrizia Maestri la rete degli esodati di Parma, Modena, Bologna, Lodi e Piacenza.

Ai tantissimi lavoratori presenti nella sala riunioni della Cgil, le due parlamentari hanno annunciato l’arrivo in Commissione di una proposta di legge per mercoledì prossimo, confermando l’intenzione di risolvere il pasticcio che, a tutt’oggi, vede ancora 155mila persone senza lavoro e senza prospettiva pensionistica, circa 400 delle quali sono a Parma. Novità di rilievo della proposta firmata Pd sarà la richiesta di ammissione alla pensione anche dei lavoratori licenziati in tronco da piccole e piccolissime aziende e che, pur essendo quasi alla fine del loro percorso lavorativo, non potendo avere accordi di mobilità, risultano esclusi dalle misure compensative fin qui adottate.

“Desidero riconoscere al coordinamento degli esodati un ringraziamento per il lavoro grande, accurato e coscienzioso che stanno portando avanti, che ci aiuta nella comprensione delle storie di uomini e donne che stanno dietro ai numeri – ha detto la Maestri –. Non abbiamo il Governo che volevamo, ma in Commissione stiamo lavorando sodo, non solo su questo problema. Dopo risultati come il rifinanziamento della Cassa in deroga e dei contratti di solidarietà, la proroga dei precari nella Pa, ora tocca alla nostra proposta di legge sugli esodati e sull’età pensionabile”.

La capogruppo Gnecchi, per parte sua, ha reso bene l’idea della partita a scacchi in corso con la burocrazia statale: “L’Inps non ha mai fornito alla Commissione un dato vero sul quale basarci, a tutt’oggi continuiamo a chiedere che la Ragioneria dello stato venga a spiegarci i suoi dati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento