Esodati, Cgil: "Per la Fornero gli accordi di Parma non esistono"

Il Coordinamento delle lavoratrici e dei lavoratori esodati critica il primo decreto pubblicato dal Governo che prevede un'agevolazione alla pensione solo per chi rientra in accordi stipulati a Roma

Protesta degli esodati davanti alla Prefettura

Esodati. A Parma la questione è sotto osservazione da parte del Coordinamento delle lavoratrici e dei lavoratori della provincia che si è costituito dopo l'incontro informativo della Cgil del 6 luglio che ha raccolto l'interesse di numerose persone che si ritrovano in una situazione difficile e non sanno quale sarà il proprio futuro. Parma è forse l'unica città dove un sindacato ha promosso un incontro con gli esodati. Ma ora sembra che per i parmigiani le cose non si mettano nel migliore dei modi.

"Il Coordinamento delle lavoratrici e lavoratori esodati della provincia di Parma -si leggge in una nota- che si è costituito nei giorni presso la CGIL di Parma, a poche ore dalla sua istituzione, è costretto a intervenire pubblicamente a censura della ministra Fornero e del Governo. Quest'ultimo dopo avere tergiversato, inspiegabilmente, a pubblicare in Gazzetta Ufficiale il primo decreto che seppur in modo parziale e discriminatorio dava una prima risposta agli esodati, ora con il secondo decreto n.95 del 6 luglio scorso, realizza l'ennesima beffa, che colpisce in particolar modo i lavoratori di un territorio come quello di Parma. Il testo ufficiale,all'articolo 22, prevede la salvaguardia dei lavoratori dall'incremento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico, restringendo il campo, esclusivamente “ai lavoratori per i quali le imprese abbiano stipulato in sede governativa entro il 31 dicembre 2011 gli accordi finalizzati alle eccedenze occupazionali...”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il punto è che, stabilendo il vincolo della stipula dell'accordo di mobilità in sede governativa, un territori come il nostro viene automaticamente escluso; infatti a Parma tutte le crisi aziendali e i licenziamenti collettivi sono stati stipulati in sede aziendale o territoriale e non a Roma Il criterio adottato dal Governo è palesemente assurdo, si tratta dell'ennesimo arbitrio contro il quale ci batteremo. Il Coordinamento fa appello ai parlamentari della provincia di Parma , a partire da quelli che sostengono il Governo, ad intervenire con forza per trovare in tempi ravvicinati una soluzione generale e definitiva a problema creato dal Governo e per rimuovere l'ennesimo svarione. Infine il Coordinamento invita tutti i lavoratori esodati a prendere contatto con il Patronato INCA per una verifica della loro situazione individuale e per unirsi al lavoro del Coordinamento. Nei prossimi giorni invieremo a Roma il folto elenco degli accordi di mobilità stipulati a Parma che per Fornero e Monti non esistono".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento