Assalto con esplosivo all'Unes di Traversetolo

Un forte boato ha svegliato un'intero quartiere: dopo aver girato le telecamere i banditi hanno fatto esplodere il retro dell'edificio per assaltare la cassa continua

Una forte esplosione ha svegliato, nella notte tra il 9 ed il 10 luglio, i residenti di via Verdi a Traversetolo. Un boato che è stato avvertito da numerosi cittadini che stavano dormendo all'interno delle proprie abitazioni. I Carabinieri di Traversetolo stanno indagando sull'episodio: secondo le prime informazioni l'ipotesi più probabile è che alcuni malviventi abbiamo tentato di assaltare il supermercato Unes nella notte per svaligiarlo. Secondo le prime ricostruzioni infatti i malviventi hanno tentato di far saltare la cassa continua, posizionata del retro dell'edificio. La carica esplosiva però non è stata sufficente e i banditi si sono allontanati a mani vuote. Il forte boato ha svegliato quasi un intero quartiere: molti hanno chiamato le forze dell'ordine: i ladri si sono dileguati. Prima di intervenire hanno anche girato le telecamere allo scopo di non farsi identificare. Indagini in corso da parte dei militari per risalire agli autori del tentato assalto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento