rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Cronaca

"Dacci i soldi o non puoi parcheggiare qui", minacciano una donna e le danneggiano l'auto: due denunce per estorsione

I due aggressori, un 23enne e una 47enne, sono stati bloccati dalla polizia locale

Nella tarda mattinata di sabato scorso una pattuglia della Polizia Locale è intervenuta a seguito di una richiesta di aiuto da parte di una donna in zona stazione ferroviaria. La signora, residente in città, stava parcheggiando negli appositi stalli blu a pagamento quando è stata avvicinata da una coppia, un uomo e una donna, quest’ultima in evidente stato di ebbrezza, che pretendeva minacciosamente soldi per lasciarle parcheggiare il veicolo.

Al rifiuto della conducente, i due hanno iniziato ad insultare la donna, colpendo ripetutamente il veicolo con dei pugni, arrivando a minacciarla, mimando con la mano gesti intimidatori. Con la collaborazione della vittima, la pattuglia della Polizia Locale di zona, intervenuta prontamente sul posto, ha individuato poco lontano la coppia di extracomunitari che, durante le procedure identificative, si è dimostrata oppositiva al controllo, rifiutando di fornire le generalità e tentando di allontanarsi. L'arrivo di un'ulteriore pattuglia in supporto ha consentito di fermare i due soggetti in sicurezza e di condurli al Comando di strada del Taglio dove gli stessi sono stati sottoposti a fotosegnalamento. Contemporaneamente la conducente del veicolo ha denunciato negli stessi uffici quanto le era accaduto.

I due aggressori, un 23enne e una 47enne, sono stati indagati per tentata estorsione in concorso e rifiuto di fornire le generalità. Nei confronti dell'uomo è scattata anche una denuncia per false generalità dichiarate e inottemperanza all'ordine di espulsione del Questore. Anche la donna, oltre agli altri capi d'imputazione, è stata deferita all'A.G. per rifiuto di esibire i documenti e sanzionata per ubriachezza molesta con conseguente ordine di allontanamento per 48 ore dall'area della stazione ferroviaria.

"La collaborazione dei cittadini è fondamentale – sottolinea il Comandante della Polizia Locale di Parma Michele Cassano - per poter contrastare questi odiosi reati, come un'estorsione per riuscire a parcheggiare la propria auto. Il dispositivo di sicurezza attuato in zona Stazione ci consente interventi rapidi, come in questo caso, per reprimere reati che solitamente si consumano in maniera molto veloce. I due soggetti dovranno rispondere del reato di estorsione, previsto dall'art 629 del Codice Penale, il cui tentativo, come nel caso di specie, è punito con la reclusione minima da tre anni e quattro mesi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dacci i soldi o non puoi parcheggiare qui", minacciano una donna e le danneggiano l'auto: due denunce per estorsione

ParmaToday è in caricamento