Evade dai domiciliari per fare sesso con l'amante in auto: 47enne denunciato e multato per 10 mila euro

L'uomo è stato fermato insieme ad una 50enne di Borgotaro in via Palermo: per entrambi la multa per essere usciti dal proprio comune e per atti osceni in luogo pubblico

Stava facendo sesso con l'amante in auto, in via Palermo, davanti ai residenti sconvolti che hanno chiamato gli agenti della polizia Locale. Un 47enne di Traversetolo, evaso dagli arresti domiciliari per incontrare l'amante - una 50enne di Borgotaro - è stato denunciato per evasione, multato per aver violato le normative anticontagio - che prevedono il divieto di uscire dal proprio Comune - e sanzionato per 10 mila per atti osceni in luogo pubblico.

Una donna, dopo aver assistito alla scena, ha fermato e guidato gli agenti nei pressi dell'auto, parcheggiata in via Palermo. Gli agenti hanno chiesto spiegazioni: il 47enne ha subito detto di essere evaso dai domiciliari. Ha mostrato il documento agli agenti dicendo che era uscito per incontrare l'amante, una donna di 50 di Borgotaro. 

Per l'uomo è scattata la denuncia per evasione per l'inosservanza delle prescrizioni del provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari. 
Per entrambi gli agenti hanno proceduto per violazione delle norme Covid in quanto nel comune di Parma senza giustificato motivo con sanzione di 400 euro e per la violazione amministrativa prevista dall'articolo 527 del Codice Penale per gli atti osceni in luogo pubblico, il cui importo è di 10.000 euro 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ecco cosa cambia a Parma da domani

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Firmato il Dpcm, coprifuoco e spostamenti: cosa cambia per i parmigiani

Torna su
ParmaToday è in caricamento