Evanescenze... mostra personale di Francesca Dosi alla Galleria Sant'Andrea

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

L'associazione UCAI di Parma è lieta di presentare la mostra personale di: FRANCESCA DOSI EVANESCENZE dal 22 marzo al 3 aprile 2014
presso Galleria S.Andrea via G. Cavestro 6, Parma
Nello spazio espositvo dell' ex chiesa tardomedievale una serie di dipinti, dalle icone del cinema a nudi maschili e femmenili che simbolicamente rimandano ad un percorso sia artistico dell'autrice che interiore dell'essere umano, accompagnano il visitatore ad un abbandono delle sovrastrutture per ritrovare l'essenza e la fragilità della vita. E' un omaggio agli archetipi senza tempo di uomo e donna. Memoria trascritta sulla tela, la pittura di Francesca Dosi celebra un sogno di armonia, di grazia e di persistenza, ma lascia affluire le ferite e la fragilità di un'umanità malinconica, occultata dietro veli d'ombra, luci polverose e pigmenti liquidi, evanescenti. E' traccia, movimento e organica trasparenza.

"Francesca Dosi è un artista generosa, energica e appassionata. Qualità che si ritrovano nella sua pittura. La sua pennellata larga, l'apertura che prende il movimento e la tecnica immemoriale dell'affresco applicata al lavoro sull'immagine fotografica e sull'astrazione pura ci riportano a una sorta di caos primordiale dove gli ocra della terra e le trasparenze acquose sono ancora confusi.
Da questo magma indistinto emergono a malapena i volti sublimi delle star dell'esistenza mitica e reale insieme. Queste icone della settima arte, entrate ancora in vita nella leggenda, appaiono in questi schizzi di celluloide come delle creazioni assolutamente originali e al contempo come le vestigia di di un'età dell'oro per sempre scomparsa. L'artista soffre accanto a loro della brevità della vita e della gloria, sente della fragilità del mondo, ma assume questa tragica condizione, ridando loro la vita e facendosi scoprire una bellezza ancor più commovente per il suo destino fugace. Come se solo la condizione mortale potesse offrire al mito la propria eternità." Testo a cura di A.M.Baron


Autodidatta, Francesca s'ispira inizialmente alle affiches di Mimmo Rotella e realizza ritratti d' icone cinematografiche che espone al Centro Cinema Lino Ventura di Parma, all' Espace Moselle di Bruxelles e allo storico Studio 28 di Montmartre. A Parigi prosegue in questa direzione con i cicli dedicati a Fabrizio de Andrè e a Guillaume Depardieu, attore e amico precocemente scomparso, in onore del quale ha di recente presentato un romanzo.

Ma saison avec Guillaume è il primo romanzo di Francesca Dosi, di rara intensità, che racconta con un lirismo raffinato, l'incontro tra la narratrice e l'attore Guillaume Depardieu, segnato, nel suo cammino tormentato, da un cognome invadente e da una celebrità mediatica distruttiva. La stagione narrata dall'autrice è quella di un'ostinata ricerca che la condurrà a scoprire l'uomo liberandolo dal personaggio pubblico e a sfiorare l'universale amoroso attraverso l'analisi dettagliata dei sentimenti. Mercoledì 2 aprile alle ore 18 presenterà il romanzo alla libreria Feltrinelli di via Farini a Parma, ed interviene insieme all'autrice Diego Saglia.

In parallelo lavora sull'astrazione realizzando con tecniche miste schizzi e tele di grandi dimensioni che espone in una serie di "personali" all'atelier Moto 777 di Parigi. I nudi maschili esposti alla Galeri Chappe di Montmartre sono l'inizio di una ricerca in cui la ritrattistica si piega ad effetti sottili di cromatismo e ad un lavoro di progressiva erosione della materia pittorica.

La mostra rimarrà aperta ad ingresso gratuito fino al 3 aprile 2014 con i seguenti orari: da martedì a sabato 10-12 e 16-19 ;domenica 16-19 lunedì chiusura www.ucai-parma.it e www.fradosi.com

Torna su
ParmaToday è in caricamento