menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Evasione, anche Parma coinvolta nell'operazione 'Money for nothing'

C'è anche la nostra provincia tra quelle colpite dall'inchiesta del procuratore aggiunto di Brescia Fabio Salamone: centinaia di migliaia di euro evasi, 89 persone denunciate

C'è anche la provincia di Parma tra le tante coinvolte nell'operazione 'Money for nothing'  coordinata dal procuratore aggiunto di Brescia Fabio Salamone e dal sostituto Antonio Chiappani che ha portato all'individuazione di due associazioni a delinquere finalizzate a compiere reati tributari. L'inchiesta, che ha portato ad accertare centinaia di milioni di euro di evasione e alla denuncia di 89 persone è stata chiusa dopo tre anni di indagini della Guardia di finanza di Salò, in provincia di Brescia. Nel mirino degli inquirenti un vorticoso giro di denaro che, dopo una serie di passaggi, tornava nelle mani delle imprese da cui inizialmente era uscito e che, sostanzialmente, non pagavano nulla o quasi, fruendo però dei benefici fiscali che derivavano dalle apparenti spese sostenute.

Un sistema ben architettato e finalizzato, secondo gli inquirenti, a coprire un giro di 'nero' quasi incontrollabile. Due le associazioni a delinquere che ricevevano pagamenti da varie imprese che operavano nel settore dei metalli, a fronte di apparenti acquisti effettuati, e successivamente ribaltavano il costo e l'Iva su altre aziende coinvolte nella frode, cioè vere e proprie cartiere intestate a prestanome nullatenenti che esistevano solo per emettere fatture fittizie (incassavano il denaro, lo prelevavano in contanti negli uffici postali, e lo restituivano alle holding da cui era partito il pagamento virtuale). 


Le 86 persone sono state segnalate come responsabili a vario titolo di associazione per delinquere, emissione di fatture inesistenti per un valore di 214 milioni di euro di imponibile e circa 16 milioni di euro di Iva, dichiarazione fraudolenta, occultamento di scritture contabili. Le altre province coinvolte sono Bergamo, Verona, Milano, Novara, Vicenza, Udine, Treviso, Piacenza, Forlì Cesena, Cremona, Mantova, Genova, Pisa, Trento, Modena, Massa Carrara, Roma e Caserta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento