menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ambiente. Fai, ciclo di incontri su alcuni capolavori d'arte

La Delegazione FAI di Parma organizza presso la Pinacoteca Stuard un ciclo di tre incontri a carattere storico-artistico concernenti alcuni capolavori delle ricche collezioni comunali

La Delegazione FAI di Parma organizza presso la Pinacoteca Stuard un ciclo di tre incontri a carattere storico-artistico concernenti alcuni capolavori delle ricche collezioni comunali. Il ciclo, curato dallo storico dell’arte Alessandro Malinverni, delegato FAI e conservatore del Museo Gazzola di Piacenza, è posto sotto il patrocinio del Comune di Parma, ed è organizzato in collaborazione con il Garden Club di Parma.

Le tre conversazioni, che si terranno il sabato pomeriggio (11, 18 e 25 ottobre) alle 16.00 presso l’aula didattica "F. Barocelli" della Pinacoteca, ad ingresso libero, vedranno il coinvolgimento di docenti presso l’Università degli Studi di Parma e l’Università degli Studi di Milano. Indirizzate a un vasto pubblico, saranno accompagnate da un ricco apparato iconografico e seguite da una breve visita guidata alle opere prese in esame durante l’incontro. Al termine di ogni visita sarà possibile ammirare una composizione floreale realizzata ad hoc dal Garden Club di Parma ispirandosi a uno dei colori caratteristici di ciascuna epoca presa in esame: bianco per l’Ottocento, rosa per il Settecento e giallo per il Cinquecento. A tutti i partecipanti sarà infine offerta una piccola “sorpresa”.

A introdurre le conversazioni sarà Gianfranco Fiaccadori, delegato FAI e docente di storia dell’arte presso l’Università degli Studi di Milano, nonché coordinatore del dottorato di ricerca in storia dell'arte presso lo stesso Ateneo.

Il primo incontro, fissato per sabato 11 ottobre, si intitola I disegni per il teatro nuovo di Maria Luigia e sarà tenuto da Carlo Mambriani, docente di storia dell’architettura presso l’Università degli Studi e direttore del corso di laurea in architettura. Al termine dell’incontro, Mambriani condurrà i presenti alla scoperta dell’esposizione Il progetto dell'illusione, prorogata sino a fine anno.

Il secondo incontro, Sebastiano Ricci e la sua bottega, si terrà sabato 18 ottobre. Curato da Malinverni, tratterà del celebre pittore veneto, molto apprezzato dagli ultimi Farnese e padre del Rococò italiano.

La terza e ultima conversazione, Seguendo Correggio: opere del '500 parmense, sarà tenuta sabato 25 ottobre da Elisabetta Fadda, docente di Storia dell’arte moderna presso l’Università degli Studi di Parma, e verterà su uno dei periodi aurei dell’arte parmense.

Con questo ciclo la Delegazione FAI di Parma intende dare il proprio contributo alla riscoperta di uno dei gioielli della nostra città, la Pinacoteca Stuard, e lo fa ricercando il sostegno e la collaborazione del Comune, in particolare dell’Assessorato alla Cultura, e del Garden Club, associazione da anni attenta a diffondere la cultura del verde e del bello, partecipando attivamente a iniziative legate all'arte.

Il titolo della serie, Incontri del levriero, rinvia tanto allo splendido disegno attribuito al Parmigianino e custodito nella Pinacoteca, quanto alla bellezza di un animale versato per la caccia, ricordandoci di non trascurare mai di riscoprire ogni giorno le ragioni e le emozioni della bellezza.

Si tratta del primo passo di un lungo cammino che, nelle speranze della Delegazione FAI di Parma, potrà coinvolgere il maggior numero di realtà museali e culturali presenti sul territorio, collaborando con associazioni e istituzioni, nell’ottica di una valorizzazione sempre più partecipata dei nostri tesori d’arte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento