Agricoltore uccide un uccello rapace protetto: 71enne denunciato

Un allevatore stava eseguendo un servizio di allontanamento piccioni in un'azienda con una poiana di Harris, una specie protetta: il contadino è indagato per uccisione di animale

Un agricoltore 71enne di Collecchio è stato denunciato per uccisione di animali dopo aver ucciso una poiana di Harris, un rapace considerato specie protetta, che ha visto volare nei pressi della sua proprietà. Il rapace era stato inviato da un falconiere, che stava svolgendo un servizio di allontanamento piccioni per conto di un'azienda, che lo aveva specificatamente incaricato. L'agricoltore si è giustificato dicendo che il rapace aveva attaccato alcune galline. L'animale è stato ritrovato grazie al dispositivo Gps, utilizzato proprio per individuarlo nel caso si perda: era tenuta per le zampe a testa in già dal contadino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto da un furgone e sbalzato contro una moto: ciclista 45enne gravissimo

  • A Parma il primo impianto dello stimolatore capace di interrompere i segnali di dolore al cervello

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Incidente sull'Asolana: moto contro un'auto, muore 50enne motociclista

  • Coronavirus, è il giorno 'zero': né decessi, né contagi

  • Tragedia in Appennino: trovato morto escursionista 55enne parmigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento