Falsi, sopresi con borse e scarpe 'taroccate': condannati due giovani

Due anni fa furono trovati nel parcheggio scambiatore di via Emilio Lepido con falsi capi di Prada e Armani, oggi la sentenza: due anni e un anno e mezzo di carcere senza la condizionale e pubblicazione della sentenza

Abbigliamento 'taroccato'

Due anni fa cercarono di introdurre a Parma abbigliamento contraffatto in una quantità abbastanza rilevante, oggi sono stati condannati dal Tribunale ad un anno e mezzo e due anni di reclusione senza la condizionale. Si conclude così la vicenda di due giovani che furono sorpresi nel parcheggio scambiatore di via Emilio Lepido con numerose borse false di Prada, giubbotti, scarpe contraffatte e jeans Armani. Il giudice Paolo Scippa, oltre a decretare la condanna per i due autori del gesto ha stabilito anche la pubblicazione della condanna sui maggiori quotidiani nazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento